Aurora Basket, Tommaso Rinaldi: "Mi esalta questa nuova sfida" | | Password Magazine

Aurora Basket, Tommaso Rinaldi: “Mi esalta questa nuova sfida”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Dopo l’annuncio di lunedì scorso, la presentazione ufficiale, nella sede dell’Aurora Basket, del centro-titolare Tommaso Rinaldi, proveniente da Treviso.

Contratto biennale per il 32enne romagnolo che proprio con il Basket Rimini si è svezzato.

Prima incursione di mercato messa a segno dal ds Federico Ligi, a seguire come è noto, proprio oggi, l’arrivo da Roseto della guardia Pierpaolo Marini.

Un incontro per raccogliere le prime impressioni e presentarsi a una piazza che lui conosce molto bene, anche se da avversario.

“Mi sono sempre piaciuti il calore e la correttezza del pubblico di Jesi – sottolinea subito Rinaldi – e il loro sostegno incessante verso la squadra che ha come caratteristica quella di lottare sempre”.

Per quanto concerne i traguardi da raggiungere “mi prefiggo – ammette – maggiore minutaggio e più responsabilità, una sfida. E insieme ai miei compagni cercare di fare almeno un pelo meglio dell’anno appena passato”.

“E’ un piacere essere qui e lo devo alla caparbietà di Federico e Altero che mi hanno convinto a intraprendere questa nuova avventura”.

Federico Ligi, chiamato in causa, spiega che “lo abbiamo convinto con il nostro progetto tecnico, lui era diventato una prima scelta. Si è sentito apprezzato, voluto. Gli aspetta un ruolo diverso che gli servirà per tornare a essere protagonista”.

Non nasconde la propria soddisfazione l’amministratore unico, Altero Lardinelli, perché “puntavamo su di lui. A Jesi ha sempre lasciato un buon ricordo tanto che già dalla stagione 2009-10 eravamo molto vicini all’accordo ma poi lui scelse Venezia. Nei prossimi due anni sono convinto che saprà dimostrare il suo valore”.

Pino Nardella

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.