Minacce in autobus, aggressori non volevano pagare il biglietto: tutti richiedenti asilo

SERRA DE’ CONTI – Non volevano pagare il biglietto così sono passati alle minacce e alle parole pesanti, accerchiando il conducente. Questa la miccia che lunedì scorso avrebbe scatenato la reazione aggressiva di un gruppo di africani – fortunatamente solo verbale – nei confronti del 50enne di Sassoferrato, autista della ditta Bucci, sulla linea di trasporto extraurbano Senigallia-Sassoferrato. A documentare il fatto, c’è anche un video che sta facendo il giro del web. L’accesa lite stava per trasformarsi in rissa con conseguenze ben più gravi se non fossero intervenuti in tempo i carabinieri della Compagnia di Jesi alla fermata dell’autobus in via Primo Maggio, Serra de’ Conti. Ad allertarli, l’autista stesso che, temendo per la propria incolumità, aveva chiamato il 112.

Un 36enne nigeriano fingeva allora un malore e veniva condotto in ospedale per accertamenti. Successivamente, tutte le persone coinvolte nell’episodio venivano condotte in caserma, per essere ascoltate. Il nigeriano, che capeggiava il gruppo, si scopriva essere domiciliato presso il centro di accoglienza di Arcevia e veniva denunciato per interruzione del pubblico servizio e percosse. Trattandosi tutti di richiedenti asilo, l’accaduto è stato segnalato alla Procura.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*