AvantJesi, una serata "Sulle note della solidarietà"

JESI – “Abbiamo scelto la musica come strumento di solidarietà, perché siamo convinti che arte e cultura siano i veicoli più alti e potenti per unirsi a sostegno di chi ne ha bisogno”. Queste le incisive parole con cui Filippo Triccoli, Presidente della neo associazione AvantJesi, presenta “Sulle note della solidarietà”, la serata nata dalla voglia di aiutare le popolazioni marchigiane colpite dai recenti fenomeni sismici.

“Non vogliamo che dopo la prima ondata mediatica di giornali e tv, poi l’attenzione su quanti si trovano in difficoltà scemi – rilancia Triccoli, per spronare il più possibile la partecipazione del pubblico a questo speciale appuntamento -. Troppe volte, purtroppo, abbiamo infatti assistito ad un progressivo disinteresse politico e civile verso chi ha subito la terribile furia di un cataclisma: la città di Jesi non può e non vuole rimanere indifferente”.

Gabriele Fava, Presidente Onorario di AvantJesi, aggiunge: “Per noi, più che per chiunque altro, è impossibile dimenticare che piccoli gioielli come Ussita, Visso e Castelsantangelo sul Nera sono andati distrutti e più di tremila sfollati sono senza casa. Abbiamo voluto rivolgere in particolare la nostra attenzione alla stazione sismologia dell’Università di Camerino per sottolineare l’esigenza di sostenere la ricerca scientifica, troppo spesso trascurata nel nostro Paese”.

L’evento, in programma giovedì 1 dicembre 2016 alle ore 21.15 al teatro studio Valeria Moriconi, dato in gentile concessione dalla Fondazione Pergolesi Spontini, vedrà l’esibizione di tre gruppi tutti marchigiani: La Macina, la David Uncini jazz duo Band e il Concertino Burro e Salvia.

“Sarebbe il caso di dire le Marche per le Marche – evidenzia il maestro Uncini -. Se il mondo della musica in generale riesce sempre a fornire un aiuto concreto, le note “con un’anima marchigiana” in particolare sapranno far udire ancora di più la propria voce. Ci sentiamo particolarmente orgogliosi di partecipare attivamente alla ricostruzione della nostra regione”.

Già perché l’incasso della serata, ad ingresso gratuito ed offerta libera, sarà interamente devoluto all’Università di Camerino per incentivare la ricostruzione degli stabili danneggiati dal sisma. Un esclusivo ringraziamento arriva pertanto proprio dal Pro Rettore dell’ateneo, prof. Claudio Pettinari, che sottolinea che “la città di Jesi, anch’essa sede universitaria, si è sentita particolarmente vicina alla città di Camerino e non ha smentito le sue doti di altruismo e sensibilità. Il nostro, in questo delicato frangente, non può che essere un grazie di cuore”.

 

(nella foto, Filippo Triccoli)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*