AVIS, a Jesi aumentano le donazioni. Sempre più giovani tra i volontari | | Password Magazine

AVIS, a Jesi aumentano le donazioni. Sempre più giovani tra i volontari

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Centro Trasfusionale del Carlo Urbani e l’Avis insieme per un lavoro di squadra che ha portato a ottimi risultati per lo scorso 2018.  “In completa armonia per una migliore organizzazione della struttura”: il punto della situazione con la dirigente medico Area Vasta 2, Daniela Spadini; il presidente Avis Jesi, Bruno Dottori; il presidente Avis Moie, Moreno Verdolini; la presidente della Delegazione provinciale CSV, Milena Trucchia e la coordinatrice e vicepresidente Avis Cingoli, Floriana Crescimbeni.

Il 2018 si è concluso in positivo per il centro trasfusionale del Carlo Urbano di Jesi: “È grazie alle Avis se noi riusciamo bene nel nostro lavoro – commenta la dott.ssa Spadini – dandoci una mano riusciamo a far fronte a tutte le esigenze e necessità perché è in armonia che le difficoltà si superano”. E la sinergia che viene fatta sul territorio della Vallesina viene ripagata a fine anno, quando si tirano le somme: per quanto riguarda Jesi, rispetto al 2017 si sono registrate 390 donazioni in più, 150 nuovi donatori di cui il 10% avevano 18 anni (classe 2000) per un totale di 8138 donazioni di sangue intero effettuate. Inoltre, la regione Marche si è classificata prima a livello nazionale per la produzione di plasma e ha esportato fuori regione 1270 unità di sangue: “Numeri importanti che ci rendono orgogliosi – commenta Bruno Dottori – e che danno il senso di quello che abbiamo fatto”. Di base c’è una organizzazione funzionale dei punti di raccolta esterni da parte delle Avis e una buona comunicazione con il Centro Trasfusionale di Jesi. Ogni mese vengono fatte circa 10-12 uscite sul territorio, tra Montecarotto, Cingoli, Filottrano e Cupramontana: “E’ importante tenere aperti questi centri di raccolta periferici – commenta Floriana Crescimbeni – con tutti questi tagli speriamo che si rendano conto del loro ruolo vitale”.

Altrettanto importante è la donazione del plasma, dichiarato anche nella campagna “Gialloplasma” partita anno scorso e portata avanti dalle Avis, che recita “Da quest’anno va di moda il giallo. Distinguiti, dona il plasma”. Ma le campagne promozionali non finiscono qui: “Abbiamo messo in campo anche un’altra iniziativa rivolta specialmente ai giovani – commenta Moreno Verdolini – si chiama “Dai precedenza alle donazioni” ed è promossa dall’Avis Marche in tutta la regione con il sostegno del Dirmt (Dipartimento Regionale Interaziendale di Medicina Trasfusionale)”. L’obiettivo è quello di avvicinarsi ai neo diciottenni attraverso nuovi canali di sensibilizzazione che permettano di arrivare ai giovani potenziali donatori in maniera sempre più diretta per accrescere così la base donatori: il progetto prevede infatti il coinvolgimento delle scuole guida della regione e a chi si iscrive verrà dato un piccolo gadget, delle auricolari per la guida in sicurezza.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.