Avis Jesi, una borsa di studio in memoria della benefattrice Malvina | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Avis Jesi, una borsa di studio in memoria della benefattrice Malvina

JESI -Per onorare la memoria di Malvina Pastorini Ciardi, cittadina benefattrice deceduta lo scorso anno, l’Avis Comunale di Jesi, con la collaborazione degli eredi della stessa, ha deliberato di istituire una borsa di studio dal valore complessivo di 4.750 euro al fine di diffondere fra i giovani i valori della cittadinanza attiva, della solidarietà, del volontariato, dell’associazione e della donazione, con particolare riguardo al dono del sangue e atri temi etici, medici e biologici.

A presentare l’iniziativa stamani alla stampa il presidente Avis di Jesi Bruno Dottori insieme ad altri membri del Direttivo e alla nipote della benefattrice Roberta Pastorini.

“Malvina Pastorini, vedova Ciardi, aveva disposto nel proprio testamento un legato di denaro a favore dell’Avis di Jesi, da destinarsi all’acquisizione di beni durevoli inerenti l’attività dell’associazione – spiega il presidente Dottori  – Il Dottor Ciardi era sempre stato amico dell’Avis,dei dottori Serrani, Fibbj e degli altri padri fondatori della sezione jesina, trasmettendo alla sua famiglia un profondo affetto per l’associazione”.

Per onorare la memoria di Malvina che, così generosamente ha voluto beneficare l’associazione, l’Avis ha deliberato di istituire un apposito capitolo di bilancio destinato al finanziamento di borse di studio e altre iniziative, al fine di diffondere fra i giovani i sani valori del volontariato e rinnovare il legame tra Avis e mondo della scuola e della cultura.  “Questa borsa di studio è in linea con i valori dei miei zii del sapere, del saper fare e del donare nella vita e oltre – dichiara la nipote Roberta Pastorini –  Lei farmacista, lui primario di Cardiologia, erano entrambi molto legati al mondo del volontariato e alla filosofia della conoscenza come bene da condividere e donare agli altri”.

“Il Consiglio dell’Avis Jesi avrebbe intenzione di destinare la donazione a favore dell’acquisto di una nuova sede – fa sapere il tesoriere Paolo Marcozzi – L’attuale sede, infatti, è di proprietà comunale ma in uso perpetuo da parte dell’associazione. Nel 1971, fu l’Avis, al tempo non dotata di personalità giuridica, a donare al Comune di Jesi la somma di 14 milioni di lire finalizzata all’acquisto da parte dell’ente pubblico dell’attuale sede, a condizione che il Comune si impegnasse a concedere l’immobile, in uso gratuito, a favore della sezione jesina. Tuttavia, la sede – un appartamento al secondo piano di una palazzina, sita in zona ZTL per giunta –  oggi non è più consona alle attuali esigenze: non è più idonea infatti a rappresentare un punto di aggregazione – sono circa 1600 i soci attuali – né compatibile con la necessità di trasportarvi e stiparvi materiali di vario genere per le molteplici iniziative (tombola, materiale pubblicitario,ecc…)”

“E’ viva la necessità di reperire una nuova sede, con spazi più vasti, sia per gli uffici amministrativi sia per svolgere attività sociali indirizzate ai nostri soci, sia per riunioni che per immagazzinare il materiale  –  spiega il presidente Dottori – L’Avis è in contatto con l’Amministrazione comunale per la risoluzione di questa sorta di usufrutto e reperimento di altra sede, per il cui acquisto sarà necessario aggiungere un importo in denaro ulteriore: in questo senso, il legato della signora Malvina giunge senz’altro a proposito”.

Spazi idonei per una nuova sede Avis sarebbero stati individuati nei locali dell’ ex Maschiamonte, in via San Giuseppe, attualmente però destinati dall’Amministrazione comunale al progetto di costituzione del nuovo centro diurno per malati di Alzheimer .

Possono concorrere al conseguimento della Borsa di Studio sia gli studenti universitari, residenti a Jesi, iscritti, con regolare frequenza a qualsiasi università, sia gli studenti che, nell’anno scolastico 2016/2017 risultino iscritti, con regolare frequenza, all’ultimo anno di corso di qualsiasi scuola secondaria di secondo grado della città di Jesi.  I concorrenti dovranno svolgere un elaborato (scritto, grafico, manifesto, fumento, multimediale o altro ancora) sul tema: “Responsabilità e coinvolgimento dei giovani nella società odierna. Sviluppate il tema analizzando i social, i media, le attività di volontariato, le manifestazioni artistico e letterarie e la produzione scientifica secondo le vostre conoscenze e competenze”. 

Il monte premi è cosi retribuito: 1500 per gli studenti universitari; al primo e al secondo classificato della scuola secondaria di secondo grado andranno rispettivamente 1500 e 1000 euro allo studente, 500 euro e 250 all’Istituto. C’è tempo fino al 30 maggio 2017 per consegnare il plico (regolamento al sito www.avisjesi.it). La premiazione avverrà a settembre, in occasione del 70esimo anniversario dell’Avis comunale di Jesi.

(Chiara Cascio)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.