Avis Jesi: una storia di passione e generosità lunga 70 anni

 

Il presidente Dottori con gli ex presidenti Argentati, Marcozzi e Brilli

JESI – Compleanno speciale quello di oggi per l’Avis di Jesi, fondata 70 anni fa dal dottor Carlo Santini insieme ad altri collaboratori. Questa mattina al Palazzo dei Convegni, in occasione di Medicina per Me!, il presidente Bruno Dottori ha ricordato i tratti principali della storia dell’associazione: “All’epoca si moriva per una semplice emorragia, i decessi per parto accadevano con una certa frequenza, soprattutto se le gravidanze erano ravvicinate – ha spiegato il presidente – “Doniamo sangue anche al nostro peggior nemico” era il motto del dott. Formentano che fondò l’Avis nazionale e lo Statuto nazionale, con i principi fondamentali da cui sono nate le realtà locali. Avis Jesi è cresciuta moltissimo nel corso degli anni, tra presidenti lungimiranti e volontari come Rita Paoloni, storica segretaria che chiamava di notte i donatori in caso di emergenza, e Andreina Pirani che pur non potendo donare aveva messo da parte la sua modesta pensione per aiutare l’associazione jesina. La Pirani era la moglie dello jesino Romolo Cesaroni, che con 218 donazioni vanta un record assoluto. Oggi l’Avis jesina ha 1600 donatori attivi e 560 ex soci a risposo che sono come gioielli in cassaforte, sono la nostra storia”. Situazioni di emergenza come quelle di questi giorni a cui l’Avis jesina ha fatto fronte con la massima disponibilità e professionalità, contattando i donatori che si sono recati al centro trasfusionale. A tutta l’Avis di Jesi è stato consegnato un biglietto di buon compleanno come ricordo di questa giornata condivisa con Medicina per Me! “La vera emergenza – ha aggiunto Dottori – c’è quando mancano i medici. Attualmente il centro trasfusionale del Carlo Urbani lavora su turni di 12 ore (H12), mentre gli altri centri dell’area vasta lavorano in H6, nonostante il numero dei medici sia lo stesso e cioè tre e mezzo a Jesi e tre e mezzo a Senigallia (“mezzo” perché un medico fa metà servizio a Jesi e l’altra metà a Senigallia) e tre a Fabriano. L’Avis è preoccupata perché a breve un medico da Jesi sarà trasferito a Fano e non si vede la strada per la sostituzione. Se non dovesse arrivare sono a rischio le uscite sui centri di raccolta esterni”. Per festeggiare la ricorrenza, oltre ai tradizionali appuntamenti organizzati, l’Avis a giugno riproporrà la manifestazione “Mille volti appesi” dove i donatori si faranno conoscere al pubblico con foto che li ritraggono in momenti di vita quotidiana. Un augurio all’Avis anche dalla dottoressa Virginia Fedele, direttore del presidio ospedaliero che ha tracciato la storia del centro trasfusionale di Jesi e delle prime trasfusioni della storia  a partire dai tentativi del 1492 e dalla dottoressa Manola Trillini del reparto di medicina trasfusionale. La Trillini ha evidenziato l’importanza delle analisi del sangue, nello specifico per chi dona e riceve sangue anche durante delle operazioni chirurgiche e di quanto la sicurezza trasfusionale sia migliorata nei tempo. Presenti in sala anche Mario Argentati vice presidente regionale del Centro Servizi per il Volontariato e Stefano Santini in rappresentanza del Rotary Club di Jesi, partner dell’iniziativa con Lions, Avis e Spazicreativi. La giornata si è conclusa con domande e riflessioni poste alla dottoressa Trillini. Medicina per me!, format a cura della giornalista Agnese Testadiferro, vanta del patrocinio dell’Area Vasta 2 e del comune di Jesi, e da appuntamento al 26 gennaio prossimo con “Prevenzione oncologica”, ospite il dottor Luciano Giuliodori del reparto di Oncologia del Carlo Urbani di Jesi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*