Avis Moie festeggia 70 anni: due giorni di celebrazioni

MOIE – Avis Moie festeggia 70 anni. Da domani a domenica due giorni di festa in cui i protagonisti saranno i donatori. Tra le iniziative l’installazione permanente di un’opera artistica in onore dell’Avis Moie, del territorio rappresentato, dei tanti volontari che hanno fatto, e continuano a fare, la storia dell’associazione locale.

Domani (sabato 15 giugno) alle ore 18 l’inaugurazione dell’installazione artistica in Piazza del Mercato, opera realizzata dagli studenti del Liceo Artistico “Edgardo Mannucci” di Jesi; inaugurazione alla presenza delle autorità avisine, civili, religiose e militari. A seguire panini e bevande per tutti i presenti.

La giornata di domenica (16 giugno) avrà inizio alle ore 8 con il ritrovo, presso la sede, dei soci e delle Avis consorelle; ore 8:30 una delegazione provvederà alla deposizione della corona al Monumento ai Caduti; alle ore 9 corteo e sfilata per le vie cittadine e visita all’opera scultorea al Donatore al Parco della Solidarietà di Moie. Ore 9:45, cerimonia con premiazione ai donatori benemeriti e intervento delle autorità alla biblioteca La Fornace di Moie; ore 11:30 Santa Messa in Chiesa Cristo Redentore; a seguire pranzo con i soci e le consorelle al ristorante Jolanda.

Le due giornate di festa, che si susseguono alla Giornata Mondiale del Donatore (oggi 14 giugno), saranno allietate dalla musica live della Banda Musicale “L’Esina” di Moie.

Il cartellone dei festeggiamenti è iniziato il 3 gennaio, giorno ufficiale della fondazione, con varie iniziative tra cui manifesti affissi nel territorio con immagini d’epoca e attuali dell’Avis Moie, concerti e pubblicazione del libro “Ci Sono Anche Io” in collaborazione con l’istituto B. Gigli di Pianello Vallesina.

 Un po’ di storia:

L’Avis Moie ha spento ufficialmente 70 candeline il 3 gennaio 2019. Il cav. Lodovico Gilberti inaugurò, il 3 gennaio 1949 la sezione Avis Moie dopo 4 anni di lungimirante attivismo nel coinvolgere i giovani della Vallesina reduci dal duro dopoguerra. In quel momento storico, in cui tutto era senza speranza, Moie, con poche case e poche decine di abitanti, pensa al dono del sangue come ad una rinascita. Molti dei primi donatori erano poveri e di limitata istruzione, ma il cuore e la mente li rendevano i migliori. Oggi l’Avis Moie, che ha delegazione a Pianello Vallesina, conta 505 soci e comprende i comuni di Maiolati Spontini, Castelbellino, Castelplanio, Monte Roberto e Rosora.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*