Avis, una donazione a Caritas per la rete solidale | Password Magazine

Avis, una donazione alla Caritas per una rete solidale più forte

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI Nella sede di viale Papa Giovanni XXIII si rafforza la rete assistenziale jesina. Durante una conferenza stampa congiunta martedì mattina, il presidente dell’Avis Jesi Bruno Dottori, con la presenza dell’assessore comunale ai Servizi sociali Maria Luisa Quaglieri, ha consegnato al direttore della Caritas Jesi Marco D’Aurizio un assegno di 1500 euro. La donazione è un gesto importante per l’economia dell’associazionismo locale, che in questi mesi, come spiegano gli stessi presenti, si è retto proprio grazie a queste forme di reciproco aiuto.

Dottori spiega: «Questo incontro ci permette innanzitutto di ringraziare tutti i nostri donatori e i volontari per il lavoro e l’impegno che dedicano a questa importante attività. In questi periodi, solitamente, esponevamo alla Chiesa San Nicolò i disegni che i bambini delle scuole di Jesi realizzavano per l’Avis, iniziativa che quest’anno per ovvi motivi, non è stata possibile. Ringraziamo anche insegnanti e studenti per la dedizione che ci mettono ogni anno in questo progetto». Prosegue Dottori: «Questo assegno è il simbolo di un messaggio: quello che la rete solidale nella nostra località è molto forte. Abbiamo ricevuto persino i complimenti dell’Avis nazionale per il lavoro che stiamo svolgendo e per i manifesti che abbiamo appeso in città».

AD087981-D31D-48BA-A677-723D7E6A4D8F

DIFFICOLTÀ OVUNQUE. D’Aurizio ha seguito – insieme ad altri 6-7 volontari della Caritas – l’evoluzione della pandemia all’interno del centro di Viale Papa Giovanni XXIII. «Questo covid colpisce tutto, anche la testa. Dobbiamo lavorare su tutti gli aspetti di difficoltà, non solo la consegna dell’emporio. Al momento abbiamo circa 80 famiglie che assistiamo e con questa situazione, per cui eravamo inizialmente impreparati, abbiamo imparato a conviverci con il lavoro giornaliero, capendo come lavorare giorno dopo giorno: solo nel tempo abbiamo acquisito più manualità . E spiega: «Chi lavora nel solidale è dentro una grande famiglia, ci si aiuta tutti. Un gesto di donazione come questo dell’Avis è un’espressione forte del senso della nostra comunità. É il senso di una società civile. Abbiamo sempre voluto cambiare il mondo e la Caritas e le altre associazioni lavorano per dare alle persone la libertà di essere autonome. Cibo e vestiti, mi viene quasi da dire, sono un problema più facile da risolvere».

«Questa donazione porta a due riflessioni fondamentali. Da un lato che il livello del volontariato è molto alto a Jesi, e dall’altro che le nostre realtà, come l’Avis, sono credibili e hanno una loro importanza». Commenta Maria Luisa Quaglieri, che prosegue: «Ringrazio tutte le associazioni che in questi mesi, con il coronavirus, hanno retto e hanno lavorato per continuare la propria missione. Gesti come questo (la donazione, ndr) contribuiscono a rafforzare la rete solidale».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.