Baby gang devastano ex ospedale | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Baby gang devastano ex ospedale

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Continuano le segnalazioni da parte di residenti e commercianti circa lo stato di degrado degli spazi dell’ex laboratorio analisi del vecchio ospedale.

L’area di verde su cui si affaccia la palazzina.è diventata purtroppo una tappa fissa per un gruppo di minorenni, anche abbastanza numeroso: nella più totale tranquillità del giorno questa baby gang è stata vista commettere atti vandalici come rompere panchine, imbrattare mura, manomettere finestre e lasciare quel piccolo appezzamento di terra pieno di mozziconi di sigaretta e rifiuti. L’apice è stato raggiunto durante il periodo della fiera di San Settimio, i suddetti vandali si sono introdotti nei locali dell’ex ospedale attraverso una finestra della palazzina dell’ex laboratorio analisi, precedentemente rotta. Raggiunto il loro obiettivo, hanno dato spazio alla brutalità distruggendo qualsiasi cosa avessero a portata di mano per stanze e corridoi. Insospettiti da tanto rumore, alcuni residenti hanno prontamente allertato il Comune di Jesi attraverso una segnalazione, a sua volta l’amministrazione comunale ha messo al corrente i Carabinieri riguardo la preoccupante situazione: la baby gang non è stata però colta in flagrante e dunque non ci sono denunce a loro carico.

La situazione è veramente allarmante e alcuni residenti e titolari di esercenti commerciali ci hanno confessato di non sentirsi al sicuro e di pensare di trasferirsi altrove nella città. Inoltre, ad aggravare la situazione ci sarebbe anche un piccolo giro di droga e prostituzione che si pensa possa essersi sviluppato all’interno di questa baby gang, formata soprattutto da minorenni.

E gli episodi registrati nella zona non sono finiti: lungo il tratto di pista ciclabile che collega l’Arco Clementino a via Pastrengo alcuni passanti sono soliti essere spaventati da questi giovanissimi con bestemmie e forti urla; un’anziana è stata persino importunata con un finto scippo della borsetta; gli insulti le parolacce sono all’ordine del giorno per i commercianti, come anche il simpatico gioco di suonare i campanelli delle abitazioni e scappare.

Una svolta a questa condizione potrebbe essere rappresentata da un’iniziativa dell’Asur: il trasferimento del Sert, il dipartimento delle dipendenze patologiche che attualmente è ubicato in via Vittorio Veneto, proprio nella palazzina che costeggia l’ex laboratorio analisi. Essendo terminati il 1 ottobre dei lavori di manutenzione nella palazzina, lo spostamento delle attività del Sert potrebbe diventare realtà. Ancora però non vi è stata nessuna conferma da parte dell’Asur.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.