Baby gang fuori controllo: la città sotto assedio tra atti vandalici, risse e furti. Denunciati tre minori

 

JESI – Baby gang danno l’assalto alla città con furti, sputi alle vetrine, furti di caramelle, gomme e sigarette. E poi risse, spintoni e atti vandalici. Nei giorni scorsi sono stati presi di mira i negozi di viale della Vittoria. Sarebbero una quindicina i minori coinvolti nelle attività criminose, un gruppetto di ragazzini italiani e stranieri e che comprende un paio di ragazze: punto di ritrovo i locali dell’ex ospedale – secondo quanto riportato stamani dal Corriere Adriatico – dove  sono riusciti a intrufolarsi all’interno rompendo i vetri e spaccando le tavole messe a sbarramento e ci vanno specie al mattino quando marinano la scuola.

Nel quartiere San Giuseppe, palazzi, vetrine di negozi e porte a vetrate sono stati imbrattati con dello spray nero. Secondo quanto riportato dal Corriere Adriatico, in via Raffaello Sanzio, nel tardo pomeriggio di ieri al Bar Baraonda di via Raffaello Sanzio, un gruppetto di minorenni è entrato nel bar e ha iniziato a mettere tutto sottosopra, creando trambusto. Il titolare li ha richiamati invitandoli a smettere ma uno dei ragazzi di colore ha estratto un coltellino ferendo l’uomo alla mano, poi sono scappati a gambe levate.

Tre minori, d’età compresa tra i 14 e 15 anni, sono stati infine identificati e denunciati dal nucleo Radiomobile per furto in concorso ai danni di un negozio di abbigliamento.

I tre ragazzini, durante la fase di controllo da parte dei Carabinieri, ieri sera intorno le 19,00, hanno tentato di darsi alla fuga ma subito sono stati rincorsi e bloccati a piedi dai componenti dell’equipaggio. Sottoposti a perquisizioni, i militari rinvengono un giubbotto del valore di circa 200 euro che,, successivamente i militari scoprono essere compendio di furto ai danni del negozio Jammin di via Pergolesi. Il proprietario, contattato, riconosceva come sua la merce, aggiungendo essergli stata rubata anche una maglia.
Nei confronti dei tre minori, sarà inoltrata una informativa alla Procura per i minorenni imputando loro il furto aggravato in concorso. I militari stanno anche verificando anche il loro eventuale coinvolgimento in fatti analoghi commessi negli ultimi giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*