Bacci alla conferenza di fine anno:  «Cambiamento oggettivo rispetto a dieci anni fa» | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Bacci alla conferenza di fine anno:  «Cambiamento oggettivo rispetto a dieci anni fa»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Il sindaco Massimo Bacci, foto d'archivio

JESI – Bilancio, attività sociali, investimenti pubblici, rapporti con Jesi Servizi e Fondazione Pergolesi Spontini, sono i temi trattati dal sindaco Massimo Bacci nella conferenza stampa di fine anno.

«Nei due programmi di mandato del 2012 e del 2017 è stato fatto molto di quello che ci siamo impegnati a fare. Anche se gli ultimi mesi sono stati molto difficili, esco con la coscienza apposto, convinto di aver dato tutto me stesso, insieme a chi è stato con me in giunta e nella struttura comunale. Abbiamo ridato grande visibilità al nostro Comune, il cambiamento è oggettivo e pone Jesi dai margini a punto di riferimento della Vallesina e della regione».

«Abbiamo ridotto la spesa di 5 milioni l’anno – ha sottolineato su entrate e investimenti – ad oggi abbiamo un bilancio equilibrato, con la consapevolezza della copertura anche nel medio periodo». Sulle attività legate al sociale: «I servizi alla persona hanno avuto un incremento straordinario. Come comune capofila abbiamo creato un rapporto molto stretto col territorio, siamo arrivati a 26milioni di risorse, realizzando un’attività vera di sussidiarietà».

«Jesi è diventata braccio operativo di molti comuni della Vallesina anche grazie a come abbiamo rilanciato la Jesi Servizi, anche nella gestione di farmacie e trasporto scolastico» ha proseguito, spostando l’attenzione sul tema delle mense scolastiche, tra i punti più critici e discussi del primo mandato. «All’epoca abbiamo fatto scelte molto forti, con una certa difficoltà a gestire i passaggi, ma siamo poi riusciti a riqualificarne la gestione differenziando in base ai vari plessi scolastici e valorizzando i cibi biologici».

Sono stati ripercorsi anche i momenti di difficoltà vissuti con la Fondazione Pergolesi Spontini, attualmente superati: «Oggi la fondazione, dal punto di vista dei dati di bilancio, è sana. C’è stato un importante turnover che ha ridotto in maniera sostanziale il personale, anche utilizzando strumenti informatici. L’età media si è abbassata molto e si è elevata la quota rosa. Da non sottovalutare l’operazione riguardante l’ex Cascamificio, per le possibilità di grande sviluppo che la Pergolesi Spontini andrà a svolgere in quest’edificio».

Tra le opere pubbliche sono state ricordate Casa delle Genti e la ristrutturazione della casa di riposo, che ripartirà nei prossimi mesi. Sul fronte sport: «È stata completamente recuperata la piscina comunale, come anche la bocciofila». Investimenti importanti anche per plessi scolastici ed edifici culturali: «Abbiamo efficientato un elevato numero di scuole, recuperandone circa 10 plessi, nonostante il problema consistente della scuola primaria ‘Martiri della Libertà’. A livello di cultura, molte sono le strutture museali inaugurate in questi anni».

Sui progetti ancora in corso, ponte San Carlo e il centro storico: «Il ponte è l’opera più costosa che il comune mette al bando in questi 10 anni. Riusciremo invece in buona parte a completare la riqualificazione del centro storico entro la fine del mandato, inaugurando Corso Matteotti tra marzo e aprile 2022, come anche Piazza Federico II, per la quale si stanno selezionando le ditte.

Per Piazza della Repubblica invece a breve avremo il progetto con le relative coperture finanziarie, con scadenza a fine 2022, primi mesi del ‘23». Altri recuperi ricordati: la periferia, il nuovo centro ambiente (che inaugurerà il prossimo 22 gennaio), la stazione ferroviaria e la pista ciclabile differenziata per l’uso alternativo dei mezzi di trasporto. In corso l’azione di ripristino dei marciapiedi.

La conclusione non ha tralasciato le questioni Caterpillar e Amazon: «Abbiamo vissuto uno dei peggiori decenni dal dopoguerra, per la pandemia degli ultimi due anni, ma anche per la perdita di aziende di riferimento del territorio, come nel caso di Banca Marche. La situazione della Caterpillar sta ulteriormente mettendo in evidenza la crisi generalizzata. In questo momento l’unica strada possibile è quella della trattativa, dell’apertura di un tavolo di lavoro per riallacciare il dialogo con l’impresa». Sull’insediamento di Amazon all’Interporto: «Il Comune di Jesi sta portando avanti le pratiche con il territorio e i ministeri. Rimangono ancora da gestire gli accordi tra privati. Ci auguriamo di dare avvio all’iniziativa prima della fine del mandato. Potrebbe avere ricadute straordinarie sull’economia del territorio e cambiarne l’inerzia che la caratterizza da tempo».

Il sindaco, che spera di tornare a svolgere a tempo pieno la sua professione di commercialista «tranne per opportunità di fare politica in modo serio», si mostra ottimista anche sul fronte sanitario: «La situazione sanitaria di Jesi riflette quella dell’intero paese. Il numero elevatissimo di persone in quarantena viene tenuto sotto controllo grazie ai vaccini. Le strutture sanitarie ad oggi sono più impegnate rispetto a 10-15 giorni fa, ma non siamo di certo ai livelli dello scorso anno».

A cura di Angela Anconetani Lioveri

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.