Bacci: "In dieci 10 anni, 1,4 milioni di euro alla Marche Nuoto per la gestione della piscina. Stima per Belcecchi ma condizionato dal PD" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bacci: "In dieci 10 anni, 1,4 milioni di euro alla Marche Nuoto per la gestione della piscina. Stima per Belcecchi ma condizionato dal PD"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
foto da: marchenuotojesi.it

JESI – “Il Comune di Jesi ha versato in 10 anni circa un milione e 400 mila euro alla Marche Nuoto per la gestione della piscina. E di questi solo una parte (circa 400 mila euro) relativi ai lavori di straordinaria manutenzione effettuati, oltre a 100 mila euro per la costruzione della piscina scoperta”.

Così il sindaco Bacci puntualizza sulla questione della gestione della piscina comunale: “Non erano soldi che potevano essere utilizzati per l’attività sportiva o agonistica (che, come in tutte le discipline, fa capo alla società sportiva e non può essere sostenuta da risorse pubbliche), ma esclusivamente destinati alla gestione dell’impianto, vale a dire permettere a tutti i cittadini che lo volevano di frequentare la piscina.

Se la scelta di allora fosse stata diversa, oggi probabilmente Jesi avrebbe potuto avere una piscina olimpionica.

Il nuovo appalto non poteva che chiudere una situazione non più sostenibile né sotto il profilo economico né sotto quello etico. Attraverso di esso, non solo gli utenti della piscina non avranno aggravi di costi (le attuali tariffe saranno infatti confermate), ma il Comune registrerà, a fronte dei 145 mila euro di spesa del 2013, incassi che cresceranno pregressivamente da 10 mila a 20 mila euro nel triennio 2014-2016, per un totale di 45 mila euro.

E questa della piscina è la punta di un iceberg di gestioni di risorse pubbliche utilizzate credo in maniera non oculata. E lo dico con il massimo rispetto della Marche Nuoto. Perché il problema non è l’ente gestore, ma scelte che hanno fortemente condizionato il bilancio comunale.

Siamo intervenuti ed interverremo ancora su tutte le situazioni anomale, spiegando dettagliatamente ai cittadini le spese che si sostenevano in passato e quelle che vi saranno in futuro. Facendo capire come si possono erogare servizi di qualità senza impegnare ingenti risorse pubbliche. Partendo da un presupposto irrinunciabile: non possono essere più tollerate sacche di privilegi, in nessun ambito, sia esso sociale, culturale o sportivo”.

IL SINDACO BACCI: “STIMA E RICONOSCENZA VERSO BELCECCHI . HA PAGATO IL FORTE CONDIZIONAMENTO IMPOSTO DAL PD”

“Nei confronti di Fabiano Belcecchi ho sempre avuto e continuo ad avere stima e riconoscenza. La stima per aver guidato la città di Jesi con grande onestà e cercando di operare per il bene comune, la riconoscenza per avermi chiamato a gestire una società importante come ProgettoJesi”.

Così il sindaco Massimo Bacci che aggiunge: “Non è però un mistero che la sua azione di governo sia stata condizionata dalle logiche di un partito, il Pd, che nel corso degli anni ha fortemente inciso nel mantenere sacche di privilegi che la città non si poteva più permettere, impedendogli di effettuare quegli interventi strutturali assolutamente necessari e di cui, sono certo, anche lui ne era pienamente consapevole. Il risultato è stato inevitabile: sono mancate le risorse necessarie per quelle manutenzioni e quelle attenzioni verso la città che giustamente vengono reclamate da chi ci vive.

Non mi stupisco per altro che il Pd abbia subito abbandonato Belcecchi al suo destino. Credo che una persona come Belcecchi, per la grande esperienza maturata da amministratore, sia ancora una risorsa per la Comunità e su come valorizzarla appieno sto riflettendo.

A proposito di Pd, invece, mi auguro veramente che il forte rinnovamento avviato a livello nazionale possa raggiungere presto anche Jesi, perché questa città ha davvero bisogno che un partito di grande tradizione sia rappresentato e guidato da persone che sappiano chiudere i ponti con il passato e l’attuale presente, per poter incidere positivamente e concretamente nell’interesse della comunità intera e non dei soliti noti.

Relativamente alle risorse che l’Amministrazione Belcecchi ha reperito da fondi regionali, nazionali e comunitari, le stiamo spendendo per le finalità a cui erano destinate. Ma, come è facilmente riscontrabile, sono risorse che si sono rilevate largamente insufficienti. Così è stato per le scuole Mazzini, Garibaldi e Aquilone dove abbiamo dovuto aggiungere altre centinaia di migliaia di euro con il nostro bilancio. Delle altre risorse lasciate, per contratto di quartiere e pavimentazione del corso, i lavori sono in corso (ex carceri) o di prossima attivazione in attesa di autorizzazioni ministeriali (ex Sant’Agostino) o regionali (corso Matteotti)”.

Comunicato da: Comune di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.