Bacci su Azzeruolo: “Gioia immensa con le famiglie, da Jesi parte un bel segnale di solidarietà”

JESI – Il centro Azzeruolo sarà inaugurato sabato alle 11,30 in Via Roncaglia, dopo un lungo processo che ha portato all’apertura di questo centro sperimentale, il primo nella regione Marche (ne abbiamo parlato in QUESTO ARTICOLO).

L’amministrazione comunale ci vede una vittoria per tutte le famiglie dei soggetti con autismo ma anche una grande soddisfazione per aver raggiunto lo scopo dopo un lavoro lungo diversi anni, arenato più volte e finalmente lanciato verso la conclusione proprio dall’attuale maggioranza di Jesi. Nel ringraziare per l’impegno personale il presidente della regione Ceriscioli, il sindaco Massimo Bacci non risparmia una stoccata verso chi, a suo dire, ha provato a prendersene il merito senza averne titolo, con probabile riferimento alla conferenza di presentazione fatta in regione circa una settimana fa senza la presenza di amministratori jesini (QUI L’ARTICOLO)

Queste le parole del sindaco Massimo Bacci: “Ho incontrato le famiglie dei soggetti con autismo per condividere insieme la gioia dell’apertura proprio a Jesi del primo Centro regionale dedicato a questa condizione. Un sogno che attendevano dal 2003, quando si è cominciato a parlare di questo progetto. Da allora, nel tempo, tutto si era arenato, o peggio incancrenito, con vari livelli di responsabilità dove ciascuno giocava allo scaricabarile.

Ci siamo messi pazientemente al lavoro insieme, noi e le famiglie, con le associazioni e l’Asp. Abbiamo fatto gruppo, siamo stati uniti anche nei momenti di maggior sconforto, trainati in questi ultimi due decisivi anni dalla tenacia dell’assessore ai servizi sociali Marialuisa Quaglieri. E alla fine ce l’abbiamo fatta: sabato, grazie anche all’impegno personale del presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, apriremo il Centro per i primi 9 posti. Si chiamerà Azzeruolo. Una struttura residenziale per aiutare queste persone nelle loro attività quotidiane, ma anche per essere di supporto alle famiglie, di Jesi, della Vallesina, della provincia di Ancona, troppo spesso lasciate sole.

Sarà il primo centro sperimentale della regione: da Jesi e con Jesi parte un altro bel segnale di solidarietà vera e concreta.

Qualcuno, come spesso capita in Italia, se ne è arrogato il merito, senza averne il benché minimo titolo. E sono certo senza aver mai assaporato l’emozione che ho avuto la fortuna di provare io nel guardare negli occhi i genitori ed i parenti dei soggetti autistici e comunicare loro che quello che sembrava impossibile lo avevamo, insieme, trasformato in una splendida realtà”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.