Bacci sul bilancio delle attività svolte: "Realizzato il programma. Ottenuti risultati straordinari" | | Password Magazine
Lulù  

Bacci sul bilancio delle attività svolte: “Realizzato il programma. Ottenuti risultati straordinari”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce


JESI – “Abbiamo ottenuto risultati straordinari e approvato l’80% del programma di mandato”. Parla chiaro e con soddisfazione Massimo Bacci illustrando alla stampa il bilancio dell’attività svolta dalla sua elezione a sindaco  e le prospettive future. Prima di entrare nel dettaglio degli interventi fatti e quelli da fare, il primo cittadino in vista delle prossime amministrative chiarisce: “La vecchia politica non mi appartiene. Sono molto legato alla città dove ho trovato delle situazioni si erano incancrenite e che avevano paralizzato il Comune. Chi ci vuole dare fiducia deve sapere che va condiviso il nostro percorso, non accetto compromessi”. Lista civica dunque e sgombra il campo dagli apparentamenti, Bacci aggiunge: “Tanto è stato fatto ma tanto c’è ancora da fare: non voglio che il lavoro fatto venga vanificato e lo dico per tutti quelli che in questi anni hanno lavorato accanto a me”.

Quindi il rapporto con la città: “E’ arrivato il momento di uscire e raccontare ai cittadini quale è stata la nostra esperienza amministrativa, ascoltare le impressioni della città”.
Il sindaco ha ribadito gli impegni presi sulla riqualificazione di Corso Matteotti: “E’ difficile ne siamo consapevoli ma dobbiamo provarci. Al lavoro anche sulla questione dell’asse nord e dell’asse sud che sono interventi molto costosi”. All’opposizione che rimarca i cattivi rapporti dell’Amministrazione con i vertici regionali, il sindaco risponde con i fatti: “Ceriscioli valuta i progetti, indipendentemente da chi li propone. Questa Amministrazione ha influito sulla Regione per facilitare il completamento del Carlo Urbani, in attesa da anni, abbiamo dialogato bene anche sull’assegnazione del Polo enogastronomico regionale, io stesso scrissi una lettera a Ceriscioli sull’Interporto e sull’importanza strategica di far diventare quell’area logistica per la sanità regionale”. A riguardo, va detto che sono in corso di valutazione anche il progetto del JCube e la riqualificazione dell’area ex Sadam.

Fruttuosi anche i rapporti con i Comuni limitrofi: “Non abbiamo mai pensato che il comune grande dovesse incidere sul piccolo, tutt’altro: abbiamo collaborato sui singoli progetti. Penso al comune di Santa Maria Nuova con cui abbiamo preso accordi su diversi servizi, alle tante iniziative dell’Asp con ventuno comuni della Vallesina, a Monsano per il trasporto urbani di disabili e alunni. Con i comuni più vicini, inoltre, stiamo stringendo un accordo sul trasporto urbano”.


Bacci chiude con la questione economica: “Le uniche risorse della vecchia Amministrazione sono state usate per la scuola Mazzini. Dal 1980 il Comune ha accumulato debiti per 3 milioni di euro, un paio ne abbiamo riportati a casa quando il Tribunale di Milano ci ha dato ragione sulla questione degli Swap (Dopo tre anni di carte bollate, il Tribunale di Milano ha infatti dichiarato nullo il contratto derivato stipulato nel lontano 2005 dal Comune di Jesi con Unicredit, obbligando il colosso bancario a restituire 1,2 milioni di euro indebitamente ricevuti)”. Jesi sarà ancora una volta tra i primi Comuni d’Italia ad approvare il proprio bilancio di previsione 2017 prima che l’anno nuovo inizi, decidendo fin d’ora come saranno impiegate le risorse a disposizione.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.