Banner Aprile IH Victoria

Bacci ufficializza: «Butini, Coltorti e Napolitano assessori riconfermati in caso di vittoria elettorale»

JESI – Luca Butini, Ugo Coltorti e Cinzia Napolitano. Sono questi i primi tre assessori confermati in caso di una seconda giunta Bacci. Questa mattina il sindaco uscente lo ha reso noto alla stampa: “Nel rispetto dei cittadini, ho voluto dare i nomi di coloro che rappresentano una continuità della Giunta che sta per scadere. Se fosse stato per me li avrei riconfermati tutti ma alcuni di loro non potevano dare nuovamente la piena disponibilità”. In forse il nome di Marisa Campanelli che, per sopraggiunti impegni professionali, potrebbe non esserci.

Coltorti, Butini e Napolitano hanno espresso la propria stima personale e fiducia nei confronti del sindaco uscente. «Bacci un sindaco eccellente, il migliore. Nel caso di una seconda legislatura, gli effetti del suo operato saranno rinforzati, grazie anche ad un lavoro di squadra consolidato” sono le parole di Butini, vice sindaco e assessore alla cultura nel mandato 2012-2017».

«Nessun rammarico per quanto fatto ma solo una consapevolezza: se riconfermati, potremo solo fare meglio» dice Coltorti, negli ultimi cinque anni assessore allo Sport e al Commercio. Parole di gratitudine anche dalla Napolitano, ancora per pochi giorni assessore all’Ambiente: «La collaborazione è alla base del buon operato di Bacci. L’esperienza acquisita in questi cinque anni sarà preziosa per il futuro».

Le deleghe degli assessori saranno forse ampliate: «Ad ogni modo – aggiunge Bacci – Nessuna scelta sarà condizionata dal risultato personale alle urne». Butini, Coltorti e Napolitano sono infatti anche loro all’interno delle liste civiche «proprio per rispetto nei confronti dei cittadini che potranno giudicarne l’operato».

Sul resto della squadra «anche per i quattro assessori restanti criterio di base resterà la fiducia – fa sapere Bacci –  In caso di rielezione, nel giro di tre o quattro riavvieremo la macchina comunale al completo. Noi, a differenza di chi trama nelle segrete stanze, possiamo permettercelo, perché non dobbiamo sottostare a veti, correnti e diktat». Il sindaco uscente non perde l’occasione per lanciare qualche frecciatina agli avversari in lizza su trasparenza e partecipazione:

«Avevo chiesto di rendere note le dichiarazioni dei redditi e da dove essi derivano, perché credo che i cittadini debbano sapere da chi saranno governati – specifica sempre Bacci -. Continuo a non vederle, purtroppo, a parte uno o due candidati che hanno accolto il mio invito. Però chiacchierano di trasparenza. Poi, gli stessi, pontificano pure sulla partecipazione, e mi riferisco in particolare al candidato sindaco del Pd e al candidato sindaco delle sedicenti liste civiche di sinistra, che ormai da mesi stanno inciuciando sottobanco, nella migliore tradizione della vecchia politica, senza ovviamente coinvolgere i propri elettori».

Relativamente al candidato Pd, ricorda Bacci, «è stato indicato a porte chiuse facendo fuori chi aveva chiesto le primarie. L’altro candidato sindaco, intanto, ovvero l’ex difensore civico locale e regionale (nomina chiaramente politica), ha detto apertamente che è pronto ad apparentarsi con questo Pd in quanto vi sarebbero tante affinità fra di loro, salvo poi ritrattare maldestramente a seguito dell’insurrezione all’interno del suo gruppo. Insomma, a parole sono tutti bravissimi, ma nei fatti si perdono».

Sugli avversari, un pensiero va alla compianta Daniela Cesarini che cinque anni fa era in corsa per il ruolo di sindaco: «Personalmente ne ho grandissima nostalgia: non  posso certo dire di essere stato allineato a livello ideologico ma la sua coerenza, la sua serietà nel condurre le battaglie, il suo rispetto per i cittadini sono valori che gli avversari di oggi al suo posto si sognano».

 

Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.