Bacci: "Competenza e trasparenza: così risolleveremo la città" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bacci: "Competenza e trasparenza: così risolleveremo la città"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Massimo Bacci candidato a Sindaco Jesiamo e Patto per Jesi

Questa settimana, a tu per tu con Massimo Bacci, il candidato Sindaco della coalizione formata dalle liste civiche JesiAmo e Patto per Jesi.

Dott. Bacci, la sua candidatura è appoggiata da due liste civiche, “Jesiamo” e “Patto per Jesi”, all’interno delle quali sono confluiti anche esponenti di centrodestra che, però, hanno rinunciato al simbolo. Come spiega questa decisione?

“È vero, tra i nostri candidati ce ne sono alcuni che hanno un passato politico alle spalle ma che, delusi e non soddisfatti dei partiti attuali, hanno deciso di abbandonare i propri colori per impegnarsi  da liberi cittadini a favore di una città che – come tutti possono vedere – è in grandissima difficoltà”.

Quale sarebbe la sua prima mossa da sindaco di Jesi?

“Innanzitutto metterei in sicurezza il bilancio. Tra i tanti problemi della città, questo è il più urgente. Il Comune di Jesi attualmente presenta grandi difficoltà nel coprire le spese correnti, spesso improduttive e dovute solo a motivi di natura politica. Una volta sanato il bilancio, sarà più facile garantire i servizi essenziali e l’assistenza ai più deboli”.

Quali spese andrebbero tagliate?

“Sicuramente, con una macchina comunale efficiente, composta da persone competenti e qualificate, sarà possibile seguire determinate questioni direttamente, senza doversi rivolgere a terzi. In questo modo, si elimina già una buona parte delle spese”.

Punta dunque ad un’Amministrazione basata sulle competenze di chi la compone.

“Esatto. L’obiettivo di questa coalizione è di individuare le persone più idonee e di renderle note già prima delle elezioni: in caso di esito elettorale positivo, compiti e ruoli saranno assegnati sulla base delle competenze di ciascuno. Già in questi giorni stiamo rendendo pubblici i nomi degli assessori: questo perché vogliamo dare ai cittadini la possibilità di informarsi e conoscere le caratteristiche di chi votano. Anche io ho reso pubblici la mia storia, i miei incarichi, i miei redditi… È tutto sul mio sito. Io la chiamo “operazione trasparenza”: nessun giochetto politico, stop alla parole. A noi piacciono i fatti e lo stiamo dimostrando”.

Altri punti in programma?

“Bilancio, servizi e macchina comunale saranno le prime tre questioni che affronteremo. Il nostro è un programma minimalista: data la ristrettezza delle risorse, punteremo su ciò che è strettamente necessario. Mi piacerebbe, una volta trovati i fondi, riqualificare la città che è in uno stato di arredo urbano imbarazzante”.

Il vostro movimento richiama e coinvolge anche i giovani: cosa ne pensa?

“Come ho detto prima, noi siamo diversi e lo stiamo dimostrando. Negli altri programmi, ho letto di apertura e iniziative rivolte ai giovani ma, chiacchere a parte, i fatti erano zero. Jesiamo, invece, ha davvero proposto e realizzato iniziative intelligenti dedicate ai giovani, li ha coinvolti nella campagna elettorale e ha intenzione di includerli anche nella gestione della città”.

Anche le donne sono state al centro di alcune vostre iniziative, come quella sulla partecipazione.

“Sì, le donne sono state le prime che abbiamo messo in lista ma è anche vero che è difficile farle partecipare. Si sacrificano più degli uomini, sopportano ritmi di lavoro faticosi e poi tornano a casa per occuparsi della famiglia. Sono straordinarie e più brave …. tuttavia, spesso, devono rinunciare a sé stesse per gli altri. Noi ci teniamo a dar loro importanza: non a caso, il primo assessore rivelato è una donna”.

Dei suoi avversari, chi teme di più?

“Non temo nessuno ma non lo dico perché convinto di vincere….a spaventarmi è piuttosto la possibilità che vinca un vecchio e improduttivo modo di fare politica, rappresentato dall’esponente di centrosinistra, Melappioni, che non critico come persona –  non lo conosco – ma in quanto espressione di un sistema che va superato. Tra l’altro, oggettivamente, è un personaggio non voluto da una grande parte della sua stessa coalizione: se vincesse lui, il rischio sarebbe quello di ritrovarsi con un sindaco già debole che porterebbe Jesi a morire lentamente. Lui stesso è a conoscenza della sua debolezza, tantoché ha provato ad inserire all’interno della coalizione una lista civica…Insomma, la preoccupazione è questa: che vinca Melappioni e che la città si blocchi completamente e vada alla deriva”.

Che risultato si aspetta?

“Mi aspetto che la gente capisca che il nostro obiettivo è restituire la credibilità a questa città, agendo liberi da vincoli di partito e con l’unico solo interesse di salvare Jesi da tutti i problemi che la affliggono. Anche dall’opposizione, potremmo comunque obbligare i componenti della nuova Amministrazione alla trasparenza, alla responsabilità e alla partecipazione: che la smettano, insomma, di riempirsi la bocca di fesserie e facciano davvero qualcosa di positivo per la città!”.

a cura di Chiara Cascio

© vietata la riproduzione foto e testi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.