"Bad Gang" e cena di Gala in piazza aprono lo Jesi Jazz Festival | | Password Magazine
Festival Pergolesi

“Bad Gang” e cena di Gala in piazza aprono lo Jesi Jazz Festival

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Avvio in grande stile dello Jesi Jazz Festival 2015, che si aprirà domani sera (mercoledì 29) in piazza della Repubblica con il concerto della big band “Bad Gang” diretta da Massimo Morganti. La formazione, sotto la guida di Scott Hall, maestro concertatore, ha preparato un repertorio tra il jazz e lo swing, con un omaggio a Duke Ellington e alla musica americana degli anni Trenta e Quaranta. Prezioso il lavoro compiuto dal grande Scott Hall, direttore d’orchestra, trombettista del Columbia College di Chicago, pluripremiato compositore e direttore di formazioni jazzistiche. Durante i seminari tenutisi all’interno dell’Arcevia Jazz Feast ha condotto quasi per mano i musicisti lungo il  percorso di avvicinamento alla musica di Duke Ellington.

L’organico della “Bad Gang” comprende 4 trombe, 4 tromboni, 5 saxes e sezione ritmica; alla voce Sabrina Angelini, con Massimo Morganti al trombone e cornetta. Novità molto attesa per la serata di apertura del festival 2015 sarà la cena di gala in piazza della Repubblica, nell’intento di riprodurre le atmosfere da music hall a cielo aperto che ben si sposano con il repertorio swing americano dei primi anni quaranta.

La cena, con posti limitati e prenotazione obbligatoria (info 0731 200807), è stata realizzata grazie alla costruzione di una filiera di sponsor tecnici come Gistar Service – Catering & Banqueting, Caffè Imperiale, Hostaria Dietro le Quinte, Baldi Bottega e Podere S.Lucia. Fondamentale il supporto della Fondazione Pergolesi Spontini, partner tecnico di tutta la rassegna.

Alle 23, per il secondo concerto in programma, sarà la volta della “Pergolesi Lindy Band”, l’ottetto nato grazie alla collaborazione tra la  Scuola Musicale Pergolesi e la Scuola di ballo Skyline Swing. Anche durante il concerto di seconda serata saranno proposti brani appartenenti al repertorio  dello swing degli anni Quaranta e Cinquanta, nel momento di incontro tra questo genere e il jazz nato negli anni Venti a New Orleans e poi emigrato a Chicago e dopo la guerra a New York. La direzione dell’ottetto è affidata al sassofonista Antonello Giudice che insieme al chitarrista Luca Pecchia e al batterista Giorgio Bartoloni, costituiscono l’architrave della formazione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.