Bagno di folla per Alberto Fortis | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bagno di folla per Alberto Fortis

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un bagno di folla mercoledì sera in piazza della Repubblica a Jesi per il cantautore Alberto Fortis, ospite del tradizionale concerto di fine anno della Scuola Musicale G.B.Pergolesi, col patrocinio del Comune di Jesi per la settimana della Musica, la collaborazione di Oikos onlus e di Radio Rve. “Do l’Anima”, concerto omaggio all’ultimo cd di Fortis, ha visto quasi 2000 presenze accogliere con calore questo cantautore così sensibile e attento non solo alle sfumature e i cambiamenti della musica ma anche al ruolo stesso della musica, “strumento di pace, linguaggio universale capace di far dialogare tutti i popoli”. I suoi più grandi successi – da “La sedia di lillà” a “Svegliati amore”, “La nena del Salvador”, “Ti innamori”, “Il Duomo di  notte”, “Voi romani”, “Settembre” e lo stesso brano “Do l’Anima”, (che da il titolo al suo ultimo disco e al concerto) – sono stati portati in scena da un centinaio di allievi.

Abbiamo incontrato Alberto Fortis all’Hotel Mariani, prima del concerto.

Lei ha iniziato a ‘giocare’ con la musica a 13 anni, più o meno l’età di questi ragazzi della Scuola Musicale Pergolesi: si rivede un po’ in loro, nel loro entusiasmo?

“Certo che mi rivedo, in questi giovani trovo terreno fertile e gioia di suonare. Loro sono il futuro della musica. In un momento come questo l’Italia deve prestare molta attenzione alle giovani generazioni di musicisti, risorsa fondamentale ed eccellenza dei micro-territori, patrimonio del nostro Paese. Mi auguro che sia un bell’incontro, uno scambio emozionale”.

 Cosa si sente di consigliare a questi giovani che si approcciano con speranza e sogno alla musica?

“Sebbene Internet e i talent abbiano riscritto il fare musica con una sorta di sliding doors in cui anche diventare musicista e cantante ha tempi più rapidi, c’è comunque un denominatore comune che resta: quello della passione e del talento, dell’onesta convinzione di ciò che si fa. Se si è convinti di voler dedicare la propria vita alla musica, si deve perseguire l’obiettivo con determinazione. Io nasco batterista, ho inciso il mio primo disco a neanche 23 anni con gli stessi brani che per ben due anni e mezzo erano stati considerati dalle varie case discografiche non idonei. La strada è lunga e faticosa se si vuol diventare musicisti e cantautori di qualità, piuttosto  che delle meteore.

Nella sua lunga carriera ha avuto molte prestigiose collaborazioni, con chi le piacerebbe lavorare a quattro mani per un progetto musicale?

“A parte i mostri sacri da Bob Dylan, Stevie Wonder, Prince, John Lennon con cui qualsiasi musicista avrebbe voluto lavorare, se dovessi dire un nome, senza dubbio Bono Vox degli U2. Non solo perché è un grande artista ma anche perché ha dimostrato di essere impegnato, uno che lascia il segno nel sociale. Credo che la musica abbia un ruolo fondamentale come strumento di pace e di dialogo tra le diverse culture”.

Le sue canzoni sono infatti molto attente ai temi sociali e umanitari…

“Da studente di medicina credo nel potere della musica non solo come strumento di pace e di costruzione di dialogo ma anche come terapia. Infatti al di là del credo religioso, sono stato chiamato il 6 luglio prossimo a partecipare al Concerto per l’ottantesimo compleanno del Dalai Lama alla Biennale di Venezia”.

Il 30 settembre è uscito il suo ultimo disco, “Do L’Anima”, un progetto ragionato perché arriva dopo sei anni di silenzio e di ‘gestazione’…

“In questo periodo ho costruito lentamente il progetto musicale insieme all’artista, polistrumentista e amico Lucio Violino Fabbri, in un incontro musicale, artistico, emotivo che è stato essenzialmente divertimento e continua evoluzione. Infatti le 12 tracce del disco sono frutto di una selezione tra 40 brani, un meticoloso lavoro di cernita che ha portato a incidere canzoni dai testi profondi e impegnati. E questo mi riporta un po’ indietro, ai primi anni della mia carriera. Comunque “Do l’Anima” è un work in progress, perché stiamo realizzando dei visual ed entro fine anno uscirà una riedizione del disco, con due tracce inedite e i video di tutte le canzoni. La regia è il mio secondo amore, dopo la musica. In questo lavoro, che sto promuovendo in giro per l’Italia, credo di aver dato l’anima davvero”.

Info e iscrizioni al prossimo anno scolastico: 0731-205856; info@scuolapergolesi.it

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.