Banca Marche, Fondazione Carisj invia esposto alle Procure della Repubblica | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Banca Marche, Fondazione Carisj invia esposto alle Procure della Repubblica

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Vicenda Banca Marche: oltre 40 mila azionisti e obbligazionisti hanno assistito impotenti alla polverizzazione dei loro risparmi, quattro fondazioni bancarie, socie di riferimento, hanno visto azzerato il loro patrimonio impegnato nella conferitaria. Una debacle che ha visto 600 milioni di risparmi incenerirsi in un solo colpo, mettendo in ginocchio un’economia territoriale già in gravissime difficoltà per la devastante crisi economica generale che attanagliava il paese.

La Fondazione Carisj vuole risposte e intraprende azioni legali finalizzate ad ottenerle: “Come è stato possibile che, in 28 mesi di gestione (26 di commissariamento e due di amministrazione ordinaria) Banca Italia e i suoi commissari siano riusciti a collassare la banca in questione polverizzando un miliardo di patrimonio e creando una situazione di vera catastrofe economica?” è l’interrogativo posto dal presidente della Fondazione Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi Alfio Bassotti. “I Commissari si insediarono in Banca Marche quando ancora, nell’agosto 2013, la stessa poteva contare su un patrimonio di circa 1 miliardo di euro” riporta Bassotti: una deduzione oggettiva considerato che ai quasi 1,3 miliardi certificati con il bilancio del 2013, occorre sottrarre i 233 milioni di perdita relativa alla semestrale, oltre qualche altre perdita creatasi nei mesi successivi. “E’ naturale chiedersi che cosa possa essere successo durante la gestione commissariale perché la situazione degenerasse fino al punto da costringere Banca Marche a subire dal tribunale di Ancona la sentenza che fissa il manifestarsi della sua insolvenza alla vigilia del decreto di liquidazione coatta amministrativa”.

Secondo la Fondazione Carisj, infatti, la banca pur attraversando una situazione più critica rispetto alla generalità del sistema, soprattutto per la concentrazione creditizia in favore di alcuni settori (tra cui edilizia) era sostanzialmente allineata con banche di pari dimensioni in termini di copertura del credito problematico. “Perché mai a Banca Marche è stato riservato un trattamento difforme da quanto è avvenuto in altre situazione? Perché è stato perso tanto tempo con un commissariamento di fatto di 2 anni e 4 mesi?”. Questi gli interrogativi che ha spinto la Fondazione Carisj a mettere in campo iniziative legali su due fronti. Il primo, un esposto denuncia contro Banca d’Italia e la Gestione commissariale di Banca delle Marche, presentato lunedì scorso, alle Procure della Repubblica di Ancona e di Roma, in cui si chiede una verifica, per quanto di competenza in questione, di alcuni comportamenti dei soggetti preposti alla vigilanza e alla gestione commissariale. Il secondo, il deposito agli atti della commissione parlamentare di inchiesta sul sistema bancario dell’esposto denuncia, accompagnato in questo caso da una corposa relazione illustrativa delle fasi più significative della vicenda, richiesta di relativa audizione.

L’esposto, depositato il 4 settembre per l’inoltro alle Procure di Roma e Ancona presso il Comando dei Carabinieri di Jesi, sarà inviato per conoscenza alle fondazioni interessate alle vicende delle quattro banche sottoposte a decreto di liquidazione coatta amministrativa del novembre 2015.

“Non possiamo e non vogliamo rinunciare a far valere le nostre ragioni sulla vicenda – fa sapere Bassotti – Aspiriamo a voler vedere una conclamata verità, qualunque essa sia. Noi non abbiamo nessuno scheletro nell’armadio: in tutti questi procedimenti è vero che sono rimasti implicati personaggi riconducibili alla nostra Fondazione, personaggi che però, da tempo, non sono più soci della stessa”.

E sulla trasmissione alla commissione parlamentare della relazione, spiega: “Doverosa collaborazione, non appena sarà operante, con la commissione. La relazione evidenzia come le condizioni generali di Banca delle Marche non fossero assolutamente diverse dagli aspetti specifici che allora caratterizzavano la gestione della maggioranza degli altri istituti di credito, con l’unica differenza che alle quattro banche poste nel 2015 in liquidazione coatta amministrativa sono stati negati tutti i possibili interventi di salvataggio mentre ad altri istituti sono stati concessi interventi di ogni tipo, compresi quelli pubblici e quelli garantiti addirittura dallo stato. Ci si augura che la commissione parlamentare inizi ad attivarsi al più presto per fare emergere da questo infausto evento le responsabilità di ciascuno e di tutti. Da parte nostra, continueremo a mobilitarci per sensibilizzare parlamento e governo, forze politiche e sociali, enti e istituzioni per contribuire a far definitivamente chiarezza su una vicenda drammaticamente penalizzante per Carisj e per i risparmiatori coinvolti”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.