Bandiere a mezz'asta oggi per la Giornata Nazionale in memoria delle vittime del Covid | Password Magazine

Bandiere a mezz’asta oggi per la Giornata Nazionale in memoria delle vittime del Covid

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
A Bergamo è stato inaugurato oggi il Bosco della Memoria.

Oggi 18 marzo ricorre la prima Giornata Nazionale in memoria delle vittime della pandemia da Coronavirus. La giornata del 18 marzo è stata scelta come ricorrenza perché è stata la data in cui, nel 2020 i mezzi militari a Bergamo sono stati impiegati per il trasporto delle salme.

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi si è recato a Bergamo per la commemorazione delle vittime della pandemia da Coronavirus. Al Cimitero monumentale della città è stata deposta una corona di fiori, e al Parco Martin Lutero alla Trucca si è svolta l’inaugurazione del Bosco della Memoria, con la cerimonia per la messa a dimora dei primi 100 alberi. Durante la commemorazione sono succeduti saluti e interventi istituzionali.

 

Nelle Marche, il presidente della Regione Francesco Acquaroli ha dichiarato:
«Oggi, 18 marzo, è la prima Giornata nazionale in memoria delle vittime della pandemia, istituita dal Parlamento. In questo anno abbiamo conosciuto un dolore inedito, abbiamo perso decine di migliaia di persone, che le famiglie e i propri cari non hanno potuto salutare nel modo più dignitoso. Il nostro pensiero, oggi e ogni giorno, va a tutti loro, alle persone che non ci sono più: alle 2.464 nelle Marche e alle oltre 100.000 in Italia. Questa ferita deve farci riflettere su quanto sia fondamentale oggi essere uniti nella lotta al Coronavirus, su quanto anche ciascuno dei nostri comportamenti sia importante per uscire il prima possibile da questa drammatica pandemia».

Le bandiere del Palazzo della Provincia di Ancona oggi sono a mezz’asta e alle ore 11 è avvenuta l’osservanza del minuto di silenzio. Ad Ancona, la sindaca di Ancona, nonché presidente Anci Marche (Associazione Nazionale Comuni Italiani), ha espresso in ricordo delle vittime: «Silenzio, ricordo, commozione e desiderio di futuro.  I Comuni italiani oggi si uniscono in memoria delle vittime del coronavirus. La fascia e la bandiera tricolore ci tengono insieme nel cordoglio, nella richiesta forte che rivolgiamo ancora una volta a tutti di rispettare le regole per fermare il contagio. Ci uniscono anche nella richiesta di accelerare in ogni modo il piano vaccinazioni».

 

Sono molti i Comuni della Vallesina che si sono impegnati a commemorare questa giornata. Tra questi il Comune di Maiolati Spontini, con il sindaco Tiziano Consoli che, a nome di tutta la comunità, ha osservato un minuto di raccoglimento nella residenza municipale davanti alle bandiere a mezz’asta. «Davanti alla fragilità personale e collettiva, l’invito a proteggere noi stessi e gli altri, a maturare sempre più atteggiamenti di rispetto e di cooperazione al bene comune» queste le dichiarazioni del Sindaco.

Bandiere a mezz’asta anche al Comune di Monte Roberto: «A un anno dalla pandemia, le parole dell’Amministrazione comunale sono di vicinanza ai familiari delle vittime del covid e di incoraggiamento per chi ora è malato – fa sapere il Sindaco di Monte Roberto Stefano Martelli -. Una ferita che lacera e allo stesso unisce davanti al numero di perdite umane causate dal virus. Rivolgo poi un ringraziamento agli operatori sanitari, impegnati ogni giorni in corsia nella lotta al virus, nonché ai volontari e alla nostra Protezione civile per il servizio reso alla comunità». Anche a Monte San Vito, il sindaco Thomas Cillo, in rappresentanza di tutta la comunità, ha osservato un minuto di raccoglimento davanti alla bandiera tricolore a mezz’asta in ricordo di tutte le vittime del Covid. E così a Santa Maria Nuova il vice sindaco Ruggeri davanti al municipio e molte altre le commemorazioni in altri Comuni.

C.P.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.