Barriere architettoniche al centro Asur di via Guerri | | Password Magazine
Lulù  

Barriere architettoniche al centro Asur di via Guerri

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Barriere architettoniche al centro Asur di via Guerri. La denuncia arriva dal candidato sindaco di Libera Azione Jesi Massimiliano Lucaboni: “Sabato mattina ho voluto personalmente constatare se rispondessero al vero alcune voci provenienti dal centro ASUR di via Guerri – fa sapere tramite nota stampa – Sembra, ma risponde al vero, che esista un problema legato alla disabilità di cui soffrono alcuni dipendenti e che riguarda l’accesso all’edificio”.

Secondo Lucaboni, essendo presenti porte che si aprono a spinta manuale, ovviamente, i disabili senza aiuto non riuscirebbero ad entrare nell’edificio.

“Da parte di questi dipendenti è stata fatta una richiesta al responsabile territoriale che si occupa della tutela e della sicurezza dei dipendenti medesimi, richiesta che sembra non solo caduta nel vuoto ma rigettata anche in malo modo almeno a sentire le testimonianze dirette – fa sapere Lucaboni – Ora mi chiedo: non esiste una legge nazionale che tutela questi dipendenti? Non esiste una legge nazionale che chiarisce che i luoghi ed edifici pubblici debbano essere abilitati all’ingresso di persone non autosufficienti o disabili? Perché in via Guerri non succede? Ci sono questioni personali? Se così non è quale il motivo”.

Inoltre aggiunge: “Stamattina, l’unica soluzione adottata, visto che la cosa comincia a girare sui social, è stata quella di togliere i blocchi alle porte, cosa che ha peggiorato la situazione per tutti. Infatti per i disabili non è cambiato niente, per gli altri oltre al freddo era come trovarsi dentro un cilindro dove c’era un assordante continuo sbattere di porte, cosa che oltre ai dipendenti creava disagio agli astanti”.

Il candidato di Libera Azione Jesi sembra umanamente e semplicemente possibile un ‘unica soluzione: “Le porte scorrevoli come quelle presenti negli ospedali e nelle strutture pubbliche che si fregiano di questo nome. Non va dimenticato che in questa struttura arrivano disabili e malati in lettiga arrivano anche da fuori. Capisco la spesa ma magari per una volta invece di pensare ai benefit dei dirigenti si pensi alla gente comune e a quei dipendenti che lavorano dentro la struttura”. Poi un appello a Bacci, sindaco uscente, e a Pirani, candidato del PD partito ad oggi al governo della Regione: “Occupiamoci per una volta della gente ce usufruisce di un servizio, il resto viene dopo”.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.