Beatrice Venezi, giovane direttore d’orchestra: «Sono una donna e non lo nascondo»

JESI – Beatrice Venezi, classe ’90, è la prima donna italiana under 30 a diventare direttore d’orchestra di fama internazionale. Pianista e anche compositrice, la Venezi è appena stata a Jesi per due giornate di masterclass nell’ambito del corso per “Cantanti Lirici Solisti” del Progetto Sipario Bis Bis, organizzato dalla Fondazione Pergolesi Spontini e tornerà sul palco del teatro jesino per lo spettacolo “Opera!” in prima assoluta nell’ambito del Festival Pergolesi Spontini. A lei, inoltre, è affidata la direzione d’orchestra della “Carmen” di Georges Bizet nel cartellone della 52esima Stagione Lirica. Obiettivo del nuovo direttore artistico del Teatro Pergolesi Cristian Carrara è «dare spazio ai giovani italiani di talento – ha detto -,  accendendo i riflettori su una generazione che c’è, è presente». Convinzione che si coniuga con il pensiero del Maestro Venezi: «L’Italia è un Paese pieno di talenti, puntare sui giovani è un modo per valorizzare il nostro territorio».


Maestro Venezi, perché amare la musica classica?
«Perché no? Sarebbe un peccato non conoscere quello che è il nostro patrimonio culturale.  La musica classica anela alla bellezza e alla perfezione e oggi più che mai la società ha bisogno della sua funzione educativa. Abbiamo lasciato che la musica classica diventasse appannaggio di un élite mentre io cerco di combattere questa avversione che non fa altro che allontanare il pubblico, qualcosa di inaccessibile».
Quando ha deciso di intraprendere questa carriera?
«Sin da bambina, quando ho iniziato con il pianoforte, mi sono innamorata della musica classica. Sono nata negli anni ’90, epoca della musica pop e di idoli come le Spice Girls e i Back Street Boys, per non parlare di Britney Spears: personaggi cui la gente si affezionava . Così ho capito che, per far innamorare le persone della musica classica, avrei dovuto far innamorare il pubblico della mia storia e della mia figura, diventando un personaggio».
Essere donna, giovane e bella ti ha posto di fronte degli ostacoli?
«Sono una donna, sì. E non lo nascondo. Molte donne che scelgono questo mestiere tendono a mascolinizzarsi sia nell’aspetto che nel modo di relazionarsi con l’orchestra mentre io non ho mai avuto necessità di mascherarmi ma metto in risalto la mia femminilità».
Bacchetta in mano dunque ma anche tacchi e abito lungo. E un sogno: abbattere ogni barriera con la musica.
«Affermare che la musica classica possa diventare pop ed aprirla al grande pubblico è un concetto che nel settore non va giù, c’è chi mi guarda con sospetto: la visione delle nuove generazioni può aiutare a rendere tutto questo possibile».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*