Biblioteca La Fornace compie 12 anni: in programma interessanti iniziative

MOIE – La biblioteca La Fornace di Moie compie gli anni: i 12 anni di attività verranno festeggiati con un progetto firmato Ivan Tresoldi dal titolo “Chiamata alle arti – Poesia di strada”, dal 25 novembre al 1 dicembre.

Si preannuncia un’interessante settimana di performance e incontri con uno dei più affermati street artist italiani che coinvolgerà gli abitanti della Vallesina e la biblioteca La Fornace di Moie con interventi e installazioni “di strada”. Il progetto è a cura di Saverio Verini e nasce dalla volontà del sindaco di Moie, Tiziano Consoli; l’assessora comunale alla Cultura, Deborah Carè e tutta l’amminstrazione comunale; la dirigente dell’Istituto comprensivo “Carlo Urbani” di Moie, Patrizia Leoni, con il supporto delle Cartiere di Fabriano-Gruppo Fedrigoni e il patrocinio della Regione Marche.

Il progetto ha lo scopo di unire ancora di più il polo culturale “eFFeMMe23” Biblioteca la Fronace con la comunità del territorio della Vallesina, in un dialogo che passa attraverso la poesia e la condivisione di esperienze dense di significato: “Per noi è un evento importante perché vogliamo intensificare l’attenzione verso questa realtà che è diventata di riferimento per l’intera Vallesina – commenta il sindaco di Moie, Tiziano Consoli – e ciò significa investire in cultura e nella nostra comunità, e soprattutto abbattere le differenze di linguaggio tra e persone per arrivare a parlare la stessa lingua”. Al centro del progetto c’è lo street artist Ivan Tresoldi che da anni porta avanti una ricerca sulle relazioni tra la parola e le sue possibili declinazioni artistico-visive per lo più sotto forma di poesia scritta o orale: la parola è il punto di partenza dell’artista per la realizzazione di opere su scala urbana. In questo senso, Ivan ha effettuato sopralluoghi e stretto relazioni con le istituzioni e diversi soggetti attivi sul territorio, che sono stati coinvolti nel suo progetto che si articolerà principalmente in quattro interventi ispirati al luogo e nati in stretto dialogo con la comunità.

Nel dettaglio: “Manifesti d’assalto poetico”, veri e propri poster affissi nel territorio di Maiolati Spontini con l’idea di far riflettere sull’identità del luogo; “Fare strada”, installazione con bandiere animate da colori e parole, raccolte tra le persone del luogo, che collegheranno diverse abitazioni lungo le vie principali; “Il verso più lungo del mondo”, in programma il 1° dicembre dalle 15, che vede l’artista improvvisare dei versi scritti con gessetti sulla pavimentazione urbana; “Dare parola”, un monologo sul peso e sull’importanza delle parole presentato dall’artista in biblioteca, in programma per il 1° dicembre alle 16.

Il risulto sarà un’interazione reale e inclusiva che vedrà il coinvolgimento di centinaia di persone tra studenti, famiglie, associazioni, imprese, istituzioni culturali e politiche, tutte attive nel contribuire alla realizzazione del progetto. Le persone che vivono nel comune di Maiolati Spontini parteciperanno infatti alla scelta delle parole e dei contenuti delle diverse proposte artistiche, ispirando Ivan e concorrendo così allo sviluppo di una azione collettiva.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*