Biblioteca La Fornace, i dati confermano gradimento struttura | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biblioteca La Fornace, i dati confermano gradimento struttura

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Oltre 20 mila prestiti, per la precisione 20.230, e ben 830 iscritti in appena sei mesi, fra chi ha rinnovato la tessera annuale in scadenza e chi l’ha richiesta per la prima volta. Conferma numeri da record la biblioteca “La Fornace” di Moie. I dati sono quelli riferiti al periodo che va dal primo gennaio al 30 giugno scorso. “Senza investire in cultura, in sapere e in educazione – osserva il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi – non ci può essere futuro per l’Italia. In una  società che voglia essere realmente inclusiva i diritti di cittadinanza si realizzano anche attraverso una più forte partecipazione di tutti alla vita culturale. I vantaggi apportati da una nuova biblioteca possono essere sintetizzati in tre aree: stimolo all’economia, qualità della vita, immagine della città che la costruisce. Questo è quello che è successo in una piccolo Comune come il nostro quando 7 anni fa si è deciso di investire in cultura inaugurando il polo culturale eFFeMMe23 con un investimento di 3 milioni di euro provenienti dagli introiti della discarica”.

Oltre alla biblioteca La Fornace il polo comprende l’Informagiovani, il Caffè letterario, la biblioteca privata del Gruppo Solidarietà specializzata in tematiche sociali, il Binario 9 e ¾ dedicato principalmente ai bambini e sede di Radio mix, la sala Joyce Lussu per le piccole conferenze e il tunnel utilizzato come spazio espositivo. Da 7 anni a questa parte i servizi del polo hanno un continuo successo. 

“La biblioteca copre un bacino sovracomunale – spiega la bibliotecaria Stefania Romagnoli – e solo un terzo degli iscritti proviene dal nostro Comune, la restante parte da una decina di Comuni limitrofi. Qui si viene per incontrare i libri ma anche le persone e per imparare cose nuove in un contesto confortevole, quasi un’estensione del salotto di casa. E allora la biblioteca diventa un luogo pubblico, sicuro e neutrale dove si può seguire un corso di scrittura creativa, imparare a fare le collane di pannolenci, costruire le maschere di carnevale, partecipare ad un circolo di lettura, incontrare eccellenze come Luis Bacalov  premio Oscar per la musica o Rigoberta Menchù premio Nobel per la pace”.

E infatti il polo ormai è quasi sempre aperto. Nel primo semestre 2015 gli appuntamenti con le scuole sono stati 69, mentre gli spazi sono stati utilizzati, per accogliere le richieste pervenute anche dai privati, per ben 377 volte.

La Fornace ha anche risposto prontamente alle nuove sfide. Gli utenti, infatti, possono servirsi gratuitamente del prestito digitale. Grazie a Medialibrary, la biblioteca digitale, dal computer di casa o da supporti come tablet e smartphone si accede via internet a quotidiani e riviste, e-book, musica, banche dati, immagini, audiolibri, corsi a distanza. Il servizio è attivo da 1 anno e conta 521 utenti iscritti. Per ottenerlo basta andare in biblioteca e richiedere la password.

“Abbiamo deciso di investire nella cultura – sottolinea il sindaco Umberto Domizioli – come componente fondamentale per il miglioramento della qualità di vita. L’Amministrazione crede molto in questo progetto ma un ringraziamento va anche ai nostri partner, Ubi Banca popolare di Ancona, Moncaro e Computer & Service, che ci stanno aiutando nel creare un centro servizi per la promozione della lettura, la formazione, l’informazione, l’immaginazione, la creatività, lo studio, il tempo libro, la socializzazione. Insomma, un investimento per il nostro benessere ma anche per fornire alle nuove generazioni gli strumenti per costruire un futuro migliore”.

Il contributo di Ubi Banca popolare di Ancona è utilizzato per acquistare strumentazione tecnica, materiale documentario e per gli eventi, quello dell’azienda agricola Terre Cortesi Moncaro consentirà la realizzazione di un nuovo sito e di una app, mentre quello della ditta Computer & Service permetterà l’avvio del progetto “Tablet, ereader, ebook: nuovi supporti per nuovi lettori”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.