Biblioteca La Fornace, tante proposte e progetti per gli studenti di Moie | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biblioteca La Fornace, tante proposte e progetti per gli studenti di Moie

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Visite guidate, prestito tramite la tessera gratuita, ma anche gare, concorsi, incontri per approfindire temi come la legalità o il bullismo. Sono tante le attività che la biblioteca La Fornace propone alle classi della scuola primaria e secondaria di primo grado di Moie. Attività sia ideate direttamente dal Comune, tramite la biblioteca, sia proposte in collaborazione con associazioni e realtà del territorio. Un anno scolastico, quindi, per gli studenti dai 6 ai 14 anni che da lunedì scorso sono ospitati nel nuovo plesso scolastico di via Venezia, ricco di novità e di percorsi originali e stimolanti.

Per i piccoli della scuola primaria la biblioteca propone, insieme con le associazioni, il progetto “Sei Stato tu?”, sui contenuti della Costituzione, a cura della Casa delle Culture di Jesi, e un’attività dal titolo “Il segreto del mantello blu”, a cura di Diego Mecenero, per la conoscenza delle ricchezze storico-artistico-culturali della regione e di Maiolati Spontini, oltre a progetti  come “Radio mix 9 e ¾”, la web radio per dare voce ai giovani speaker o il “Mixafiabe”, un gioco didattico dedicato alle fiabe.

Per gli alunni della scuola secondaria, insieme alla gara di lettura con i libri di Antonio Ferrara, alla web radio e alla biblioteca viaggiante, la “eFFeMMe23” ha pensato a proposte d’accordo con associazioni come Libera e la Croce Rossa. “Scacco matto all’illegalità” è il progetto dell’associazione di don Ciotti per promuovere e rafforzare la consapevolezza che la legalità è il pilastro della convivenza civile e per comprendere il ruolo delle istituzioni democratiche. Riguarda il cyberbullismo, invece, il progetto a cura dei giovani della sezione di Castelplanio della Croce Rossa. È un percorso di formazione e sensibilizzazione ai pericoli di un uso distorto della tecnologia a danno di un coetaneo. Per le classi seconde e terze della secondaria di primo grado c’è anche il concorso “Storie da musei, archivi e biblioteche”, a cura del Mab Marche, della Regione, e delle associazioni RaccontidiCittà, Narcissus.me di Simplicissimus book farm e di Bibliteche aperte. Anche gli studenti potranno, quindi, cimentarsi in racconti brevi e fotografie ambientate nel mondo delle biblioteche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.