Biblioteca La Fornace, una crescita continua | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biblioteca La Fornace, una crescita continua

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – “Una struttura eccezionale, non sono per le sue caratteristiche, che la rendono un unicum nel territorio, ma anche per i dati relativi al suo impatto sulla comunità”. Così il sindaco Giancarlo Carbini e l’assessore alla Cultura Sandro Grizi. La fonte continua di soddisfazioni per l’Amministrazione comunale, e per tutti i cittadini, è la biblioteca eFFeMMe23 La Fornace di Moie, che lo scorso dicembre ha festeggiato il sesto anno di attività. Un dato su tutti conferma il cambiamento culturale portato da questa struttura in Vallesina: in quattro anni, dal 2009 al 2013, i prestiti librari sono più che raddoppiati, passando da 22.156 a 44.796. Cittadini che leggono di più, che utilizzano gli spazi del centro culturale anche per collegarsi ad Internet, per consultare i quotidiani, prendere in prestito dvd e per seguire le tante iniziative culturali e ricreative organizzate al suo interno, anche queste aumentate in modo esponenziale negli ultimi anni. Già solo il confronto fra il 2012 e il 2013 parla di una realtà in costante crescita.

Nell’ultimo anno la biblioteca ha fatto registrare un continuo aumento, sia che si prendano come riferimento gli utenti, saliti di 404 unità rispetto al 2012 (da 3.288 a 3.690), sia gli accessi, con un eccezionale più 10.104 (da 48.506 a 58.610), sia i prestiti, che dal 2012 al 2013 sono passati da 41.382 a, appunto, 44.796. Oltre 3.414 prestiti in più in un anno. Dato ancora più eclatante se si considera il trend in costante crescita, partito dai 17 mila prestiti del 2008.

Ma ad avere avuto un vero e proprio balzo è stato il numero degli eventi, degli incontri e dei laboratori: ben più 357 in dodici mesi. Si è passati dai 158 del 2012 ai 515 del 2013. In crescita anche gli appuntamenti con le scuole, passati da 63 a 88. E aumenta anche il patrimonio della biblioteca, passato dai 24.600 fra libri e dvd del 2012 ai 26.845 del 2013. Altri dati significativi sono quelli che riguardano le fasce d’età. I giovani sono fra i più assidui frequentatori della biblioteca: i possessori della Bibliocard da zero a 5 anni sono ben 154 mentre quelli fra i 6 e i 18 anni sono 1.365. Un altro aspetto interessante emerge dai dati sulla residenza degli iscritti: quelli da fuori Comune sono 2.401 a fronte dei 1.405 di Maiolati Spontini.

Il sindaco Giancarlo Carbini e l’assessore alla Cultura Sandro Grizi sottolineano “il ruolo di punto di riferimento culturale per il territorio”. Ormai la biblioteca “rappresenta non solo il motore della vita culturale cittadina ma anche un elemento di sviluppo per tutta la Vallesina”.

A rendere possibile l’attività della biblioteca è anche il sostegno di diversi partner. Si confermano “amici” della biblioteca Ubi Banca popolare di Ancona e la ditta Edilfac. Dal punto di vista organizzativo, collabora con La Fornace l’Università degli adulti della Media Vallesina. Un aiuto anche questo fondamentale. Un gruppo di iscritti dell’ateneo esercita il volontariato in biblioteca coprendo turni di vigilanza e adoperandosi per le attività più varie, dall’inserimento delle copertine, dei chip e delle etichette ai libri, alla sistemazione dei locali durante gli eventi.

La biblioteca ha anche avviato un progetto di collaborazione con le associazioni. L’obiettivo è di coinvolgere tutte quelle del territorio per creare iniziative comuni. Ci sarà sempre uno spazio allestito per loro all’intero della biblioteca, per divulgare le loro attività e progetti. Inoltre è nata la pagina Facebook “A Maiolati Spontini c’è”, come altro strumento di promozione delle iniziative.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.