Biblioteca La Fornace, utenti in crescita | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biblioteca La Fornace, utenti in crescita

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MOIE – Utenti, quella della biblioteca “eFFeMMe23” La Fornace di Moie, sempre più numerosi e sempre più “digitali”. È uno dei dati, quello più particolare e nuovo rispetto agli anni precedenti, che emerge dalle statistiche 2014 della struttura inaugurata dall’Amministrazione comunale nel dicembre del 2007, e diventata nel tempo punto di riferimento non solo culturale ma anche sociale e aggregativo per migliaia di abitanti della Vallesina.

Il dato sugli utenti si conferma in continua crescita, tanto che si è passati dai 3.805 del 2013 ai 4.289 dell’anno appena trascorso, di cui ben 2.775 provenienti da fuori Comune. Insomma, una scalata continua, a partire dai 1.198 utenti del primo anno, il 2008, di attività. Per la prima volta in sette anni, però, calano i prestiti. Se dal 2012 al 2013 erano passati da 41.382 a 44.796, con un balzo di 3.414, nel 2014 sono invece scesi a 43.411. Ma non significa che gli iscritti alla biblioteca leggano di meno. “La live flessione dei prestiti – spiega la bibliotecaria Stefania Romagnoli – si spiega con il normale assestamento di una struttura nuova, che in questi anni è cresciuta in modo esponenziale, ma anche, e soprattutto, con l’avvento di Medialibrary”. È la biblioteca digitale, attiva dal 2014, che consente gratuitamente ai possessori della Bibliocard, da casa, l’accesso ed il prestito di quotidiani italiani e stranieri, ebook, audiolibri, musica, video, banche dati e altro ancora. Il digitale permette di portarsi dietro in ogni dove centinaia di libri o di canzoni su qualsiasi device mobile, come tablet, ebook readers o smartphone. “Gli utenti Medialibrary – fa sapere la bibliotecaria – sono ben 420. Alcune persone si sono iscritte in biblioteca solo per Medialibrary. Sono i nativi digitali o adulti, in particolare liberi professionisti, che ormai leggono solo su tablet o e-reader”.

Un cambiamento cultuale, quindi, che dimostra anche come la struttura di Moie sia stata in grado di rispondere prontamente alle esigenze, anche le più tecnologiche, del folto e variegato popolo dei lettori. D’altronde i frequentatori della biblioteca utilizzano, da sempre, gli spazi del centro culturale anche per collegarsi ad Internet, per consultare i quotidiani, prendere in prestito dvd e per seguire le tante iniziative culturali e ricreative organizzate al suo interno, anche queste aumentate in modo esponenziale negli ultimi anni. Nel 2014 c’è stato un aumento del numero di iniziative passate da 515 (nel 2013) a 518.

L’amore per questa struttura si evidenzia anche da altri dati, come gli oltre 2.700 contatti dell’indirizzario mail e i quasi 5.000 “Mi piace” della pagina Facebook della biblioteca.

Il sindaco Umberto Domizioli e il consigliere delegato alla Cultura Sandro Grizi commentano con soddisfazione i dati del 2014, ma rilevano come anche un polo che “rappresenta non solo il motore della vita culturale cittadina ma anche un elemento di sviluppo per tutta la Vallesina” dovrà ridimensionare le iniziative e gli eventi finanziati al suo interno dal Comune “come conseguenza inevitabile dei pesanti tagli imposti agli enti locali dal Governo centrale”.

A rendere possibile l’attività della biblioteca è anche il sostegno di diversi partner. Sono “amici” della biblioteca Ubi Banca popolare di Ancona, il cui contributo è utilizzato per acquistare strumentazione tecnica, materiale documentario e per gli eventi, l’azienda agricola Terre Cortesi Moncaro, grazie alla quale la biblioteca avrà un nuovo sito e una app, e la ditta Computer & Service, che nel 2015 permetterà l’avvio del progetto “Tablet, ereader, ebook: nuovi supporti per nuovi lettori”.

Dal punto di vista organizzativo, collabora con La Fornace l’Università degli adulti della Media Vallesina. Un aiuto anche questo fondamentale. Un gruppo di iscritti dell’ateneo esercita il volontariato in biblioteca coprendo turni di vigilanza e adoperandosi per le attività più varie, dall’inserimento delle copertine, dei chip e delle etichette ai libri, alla sistemazione dei locali durante gli eventi. Complessivamente sono 35, quest’anno, i volontari della biblioteca.

La “eFFeMMe23” ha anche avviato un progetto di collaborazione con le associazioni maiolatesi, per creare iniziative comuni. C’è uno spazio allestito per loro all’intero della biblioteca, per divulgare le loro attività e progetti. Inoltre è nata la pagina Facebook “A Maiolati Spontini c’è”, come altro strumento di promozione delle iniziative.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.