Biblioteca Petrucciana 2.0, una risorsa per la città tutta scoprire | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biblioteca Petrucciana 2.0, una risorsa per la città tutta scoprire

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Istituzione culturale e storica della Diocesi, inserita nel circuito nazionale delle biblioteche, la Biblioteca Diocesana P.M. Petrucci in Piazza Federico II di Jesi è sempre più attiva sul territorio.  

Monsignore Attilio Pastori, attuale Direttore della Biblioteca, insieme a Padre Oscar, ha creato questo luogo alle soglie del 2000 con l’ intento di custodire quella che era la biblioteca storica del seminario di Jesi, uno dei più antichi d’Italia risalente alla seconda metà del ‘500, e il fondo dei Padri Filippini. Un fondo di libri antichi che costituiscono una parte importantissima per la città, con edizioni uniche a livello mondiale, soprattutto relative al Cardinal Petrucci, studiato a livello internazionale. Conta 37000 volumi, grazie anche a donazioni di importanti studiosi locali, e di privati.

“Grazie all’arrivo di molti giovani – spiega il Vicedirettore Don Cristiano Marasca –  che si sono uniti alla memoria storica della biblioteca, siamo riusciti ad organizzare e a portare a termine progetti ed eventi proprio qui,  negli spazi della Biblioteca”.

Prestano il loro servizio come volontari circa 20 persone, tra curiosi con voglia di aiutare, come Piera Baldelli, professori in pensione come la professoressa Rita Santini, volontaria da 18 anni, studenti universitari, come Simone Pompili, studente di medicina, Nicola Marasca, studente di lettere e storia, Matteo Sorana studente di giurisprudenza, Mattia Pompozzi studente di lettere moderne e Lorenzo Lattanzi studente di ingegneria meccanica.

Grazie a loro, la biblioteca diocesana può godere di orari più estesi, di aperture serali nei periodi di preparazione degli esami universitari, e soprattutto, di eventi ed incontri che permettono sia di far conoscere ed apprezzare la biblioteca, sia di creare un luogo aperto a dialogo e a confronti. Nei tre mesi estivi la Biblioteca ha contato 1500 accessi: risultato più che positivo.

“È un luogo di confronto e di dialogo soprattutto per l’eterogeneità dei volontari, la collaborazione tra quelli più giovani e i veterani – spiega Simone – tutti quanti noi abbiamo l’intenzione di impegnarci su qualcosa di concreto per i giovani, ed essere sempre più presenti nella vita sociale della città, ci piace quindi definirci l’Avanguardia Petrucciana”.

Tra le altre cose – aggiunge l’ex professoressa Rita – c’è in programma un ciclo di tre incontri culturali dal titolo “Condizione dell’uomo d’oggi: prospettive per il futuro dopo il tramonto dell’utopia e delle passioni” che avrà luogo nei spazi della Biblioteca tra novembre e marzo, fatto di letture sotto il profilo storico, sociale e filosofico, con oratori conosciuti a livello nazionale”.

E non solo, per il mese di Settembre i volontari hanno organizzato un primo grande evento di apertura alla stagione culturale alla Petrucciana presso la sala conferenze della Biblioteca, con la giornalista jesina di SkyNews 24 Laura Tangherlini. Domenica 10, ore 16, presenterà il suo reportage “Matrimonio Siriano”, fatto in collaborazione con suo marito Marco Ró, cantautore romano. Frutto del proprio matrimonio, celebrato a fine 2016, hanno voluto investire tutte le risorse ottenute da esso, in questo progetto: materiali per la scuola, sorrisi e aiuti concreti per 150 bambini dei centri profughi in Libano e Turchia. Un Reportage di foto, canzoni e sentimenti.

Si cerca dunque di unire il classico modello di biblioteca, con la sua sala lettura e consultazione dei tesi, al modello moderno di biblioteca, fatta di iniziative, conferenze e incontri: una sorta di biblioteca 2.0, come piace chiamarla a Nicola. Tanti eventi in programma, tra letture, cineforum, dialoghi e confronti su pittori e scrittori, ospiti di rilievo, ma anche giochi da tavola e pittura. Insomma, una biblioteca tutta da scoprire.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.