Bilancio 2018, tra grandi opere e novità: arriva l'imposta di soggiorno | Password Magazine

Bilancio 2018, tra grandi opere e novità: arriva l’imposta di soggiorno

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Bilancio di previsione 2018 illustrato ieri sera ai cittadini in occasione dell’assemblea pubblica indetta presso la residenza municipale.  Lo strumento finanziario che indica come saranno reperite le risorse e come le stesse saranno investite durante il prossimo anno sarà esaminato lunedì prossimo in sede di Consiglio comunale per l’approvvazione.

L’incontro ha visto la partecipazione del sindaco Massimo Bacci e degli assessori che compongono la Giunta. Con apposite slides predisposte dall’Area Servizi Finanziari sono state indicate le fonti di entrata, le voci di spesa, il livello di riduzione dell’indebitamento, le modalità di controllo della spesa.

BILANCIO 2018-2020

Con un risparmio di 7,1 milioni di spesa corrente dal 2010 al 2016 e con il calo del debito da 31,4 a 18,6 milioni di euro negli ultimi cinque anni, entro il 2020 viene stimata un’ulteriore riduzione dell’indebitamento fino a 13,8 milioni, pari al 60,8% in meno rispetto al 2012. Una misura che permetterà di liberare risorse per la spesa corrente per oltre un milione di euro, comportando una minore rigidità di bilancio e un margine di manovra più elevato.

LE ENTRATE
Sul fronte delle entrate, a parità di stanziamenti statali, le linee guida prevedono: una efficace lotta all’evasione che consentirà di mantenere i livelli di accertamento raggiunti (oltre 1,2 milioni di euro), tasse e tributi locali senza aumenti, ad eccezione di un adeguamento della tassa rifiuti dovuto a maggiori costi esterni (discarica di Corinaldo, porta a porta alla zona industriale, rinnovo contratto personale) con tariffe comunque decisamente sempre più basse della media dei principali Comuni della provincia. Novità l’introduzione dell‘imposta di soggiorno che dal 2018 ricadrà su turisti e visitatori che pernotteranno nelle strutture ricettive del territorio.
LE SPESE
Il bilancio prevede: la riduzione della spesa corrente senza tagli dei servizi; la riduzione del numero dei dipendenti; l’utilizzo dei proventi degli oneri di urbanizzazione esclusivamente per investimenti; utilizzo dei proventi di vendita immobili e partecipazioni per investimenti.

LE GRANDI OPERE

Nel programma delle opere pubbliche le principali voci riguardano il restyling di Piazza Pergolesi, la ripavimentazione e riqualificazione di Corso Matteotti e piazza della Repubblica (per un importo di circa 4,4 milioni di euro), la sistemazione di vie e piazze del centro storico medievale (130 mila euro). Altri corposi interventi riguarderanno il potenziamento della videosorveglianza e l’efficientamento impianti della pubblica illuminazione (più 5 milioni di euro).

Forti invesfimenti sono previsti nell’edilizia scolastica con 4,7 milioni di euro destinati alla realizzazione, insieme al contributo INAIL, della nuova scuola media Lorenzini in via Schweitzer; 700 mila euro a copertura delle spese per il restauro del Duca Amedeo di Savoia,  quasi 500 mila euro per l’adeguamento della scuola Martiri della Libertà e circa 250 mila euro per la ristrutturazione del Gemma Perchi. Altri interventi riguarderanno le manutenzioni ordinarie (strade, marciapiedi, arredo urbano, verde), l’adeguamento antincendio del Teatro Moriconi (circa 380 mila euro), la realizzazione della struttura per disabili da eredità di Daniela Cesarini (oltre 1 milione di euro), la ristrutturazione della Casa di riposo (700 mila euro stanziati per il 2018), la riqualificazione di aree pubbliche in via Tessitori e in via dei Mugnai (50 mila euro nel 2018), manutenzione e adeguamento del Ponte San Carlo (300 mila euro) e interventi conservativi del Cavalcavia.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.