Bilancio 2019, il sindaco Bacci fa il punto: «Risultati soddisfacenti» | | Password Magazine

Bilancio 2019, il sindaco Bacci fa il punto: «Risultati soddisfacenti»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI- «Martino è stato un riferimento importante per la politica locale: aveva quel modo di fare politica, che io appoggio, a supporto dell’attività amministrativa, in maniera operativa. Ci ha dato sempre un supporto straordinario, il suo ruolo è stato determinante. Ci mancherà tantissimo».

Non poteva che aprirsi così, con il ricordo affettuoso del consigliere comunale Martino Lombardi, scomparso prematuramente lo scorso 24 dicembre, il bilancio di fine anno da parte del sindaco Massimo Bacci.

A metà mandato, il primo cittadino si è detto soddisfatto dei risultati raggiunti, della progettualità che man mano si sono trasformate o si stanno trasformando in operatività.

A partire da un generico risanamento di bilancio cittadino, che ha permesso la riduzione del debito pubblico, sono stati investiti, durante questa Amministrazione, circa 25 milioni di spesa per il territorio: «Un risultato che non si vedeva da decenni» ha tenuto a specificare Bacci.

Entrando più nello specifico, sono state anzitutto effettuate razionalizzazioni di spesa corrente, oltre che un recupero dell’evasione tributaria.

I dipendenti comunali sono stati ridotti a 50, e le assunzioni dei nuovi sono avvenute con un turn over inversamente proporzionale: ovvero per ogni due dipendenti che sono andati in pensione, ne è stato assunto uno, senza il venir meno però dei servizi.

Questo grazie anche alla digitalizzazione dell’Ente Comunale, con una gestione delle pratiche in maniera sempre più trasparente per i cittadini, e anche grazie ad una stretta collaborazione tra Ufficio Anagrafe e Polizia Locale.

Il piacere di mettere in luce i risultati raggiunti è avvenuto anche in diretta streaming dalla pagina Facebook del sindaco, che ha toccato con oggettività gli investimenti svolti e da svolgersi durante il suo mandato: investimenti sull’edilizia scolastica, sulle infrastrutture, sui lavori pubblici per i quali «generalmente un’Amministrazione viene giudicata» ma anche per quanto riguardi gli ambiti del sociale, del turismo, della cultura, e dello sport.

Non mancano, purtroppo, criticità negli avanzamenti dei lavori che coinvolgono le scuole Lorenzini e Martiri della Libertà, le cui ultimazioni potrebbero non avvenire entro il 2020, per problemi burocratici e con le ditte appaltatrici, non dipese direttamente dal Comune. In fase di valutazione invece il progetto che coinvolge la Scuola Borsellino (ex Savoia), per la quale il Comune ha chiesto un finanziamento al Ministero.

Sono state ultimate da poco le pratiche urbanistiche che riguardano il centro storico. «Sappiamo anche dell’estrema urgenza per i lavori su strade e marciapiedi. Calcoliamo di terminare la riqualificazione di Corso Matteotti entro il 2020, compreso l’abbattimento dell’Ex Ospedale e del Laboratorio Analisi adiacente, per il quale abbiamo sottoscritto recentemente un accordo con l’Asur. Prevista per il 2021 la costruzione del nuovo Centro Alzheimer e la riqualificazione della Casa di Riposo. Sicuramente non sarà una risposta esaustiva, ma sarà importante. Stiamo facendo il possibile in base alle risorse a disposizione» commenta il Sindaco.

Soddisfacenti i riscontri in ambito sociale. Coinvolti tutti i 20 Comuni appartenenti all’Asp 9: attualmente sono 5873 i beneficiari dei Servizi alla Persona, a discapito 4131 nel 2015. Jesi si qualifica così come ottava realtà in Italia, un vero riferimento per la Regione, e terza realtà SPRAR (Servizio centrale del sistema di Protezione per richiedenti Asilo e Rifugiati) a livello nazionale, dopo Milano e Bologna.

Molto si sta facendo anche per il settore dell’ambiente: «Jesi si mostra anche in questo caso tra i Comuni più virtuosi per la raccolta differenziata». In merito al biodigestore, Bacci non manca di mostrare lo sdegno per quanto riguarda le lungaggini burocratiche per avere una risposta operativa: «Stiamo perdendo una grande opportunità, aspettiamo da 5 mesi una risposta».

Procedono le collaborazioni con il territorio, soprattutto per i settori della cultura e del turismo: notevoli gli incassi e le presenze aumentate durante l’ultima stagione teatrale, promossa dalla Fondazione Pergolesi Spontini in collaborazione con l’Amministrazione.

A sostegno del settore turistico, rimane la volontà di continuare ad alimentare contenitori importanti, come il Museo Stupor Mundi e di favorire sempre di più il cicloturismo, «altro fiore all’occhiello per la Vallesina – dice Bacci – con la costruzione di nuovi tratti ciclabili (prossimo quello che coinvolge la zona di via Martin Luther King), e la mobilità sostenibile».

Nuovi interventi da valutare coinvolgono invece il Palazzetto dello Sport Ezio Triccoli, che richiede una manutenzione straordinaria, mai avvenuta. Prossimi i lavori di costruzione della piscina comunale, mentre è stata persa l’opportunità di finanziamento per il nuovo palascherma e «trovare un’alternativa risulta ad oggi difficile» .

Ribadita anche l’assistenza da parte della Provincia per i lavori che riguardano il Ponte San Carlo. Con i risultati raggiunti, è possibile un’anticipazione di cassa da parte del Comune dell’intero importo che occorre per i lavori: «Una volta sarebbe stato impensabile, ma ad oggi abbiamo le possibilità. Ma la Provincia, per motivi imprescindibili, non può abbandonarci» .

Sembra invece piuttosto vicina l’inaugurazione di Piazza Pergolesi, prevista per i primi di febbraio: «La volontà di tutta l’Amministrazione Comunale, è quella di realizzare un’inaugurazione memorabile ad una piazza che rimarrà nei decenni» ha concluso così il discorso di fine anno il sindaco Bacci.

A cura di Giovanna Borrelli

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.