Bilancio di fine anno, Bacci soddisfatto: «Attività coerenti con gli obiettivi» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Bilancio di fine anno, Bacci soddisfatto: «Attività coerenti con gli obiettivi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si è svolta questa mattina presso la sede municipale la conferenza di fine anno con il sindaco Massimo Bacci, orgoglioso del lavoro svolto.

Con l’occasione si conclude ufficialmente l’anno corrente e si fa il punto della situazione con quelli che sono stati gli obiettivi raggiunti, quelli in essere e quelli prefissati per il 2019. «Siamo in linea con quello che era il programma di mandato – afferma il sindaco Massimo Bacci riassumendo quelle che sono state le attività del comune – ci riteniamo dunque soddisfatti di quello che è stato fatto». I lavori proseguono quindi nei migliori dei modi per la giunta Bacci, ma andiamo a vedere più nel dettaglio di che cosa stiamo parlando.

Tra le attività da segnare come portate a termine c’è sicuramente quella di aver saputo gestire i conti del comune con una sistematica riduzione del debito della città: nel 2020 si arriverà ad una riduzione di circa il 65% assicurando tutti i servizi di cui un comune necessita.

Altro aspetto degno di nota sono i Servizi alla persona: in questo campo Jesi fa da comune capofila grazie alla sinergia instaurata con l’Asp Ambito IX che con 22,5 milioni di entrate (tra contribuzione dei comuni e finanziamenti europei) gestisce 26 strutture tra case di riposo e centri per disabili, 64 dipendenti e 471 in maniera indiretta (attraverso cooperative) erogando servizi per 5400 persone. È il nono ambito della gestione del sociale in tutta e dunque il migliore a livello regionale: gli altri comuni hanno trovato la chimica giusta per collaborare. Grazie a questa rete sociale il comune è riuscito a recuperare delle criticità presenti nel territorio grazie al Centro Socio Educativo Riabilitativo “Maschiamonte”, il Centro di accoglienza “Casa delle genti”, il Centro Diurno Alzheimer e la realizzando del Centro “Azzeruolo” per malati di autismo che a breve si inaugurerà. «Dal punto di vista del sociale, la città ha fatto salti in avanti enormi», prosegue il sindaco, citando anche la riqualificazione della casa di riposo in termini di ristrutturazione e ampliamento per permettere ad altre 40 persone di essere ospitate, 20 con assistenza RSA (Residenza Sanitaria Assistenziale) grazie alla collaborazione con la Regione Marche.

Per quanto riguardano le attività svolte nei Lavori pubblici e nell’Urbanistica, ci sono da sottolineare i lavori iniziati in zona Campo Boario, che termineranno nei primi mesi del 2019; la riqualificazione dell’edilizia scolastica della Scuola “Martiri della Libertà” e della scuola primaria “Gemma Perchi”. E ancora, nei primi mesi del nuovo anno verrà dato l’appalto per la Scuola Lorenzini e per una nuova scuola (0-6 anni) in Via Verziere dove stava l’ex Crt e verranno fatti ulteriori lavori di sistemazione della scala anti-incendio della scuola “Mazzini” e di quella della scuola “Conti”.

Argomento Cultura: le attività della Fondazione Pergolesi Spontini hanno avuto un anno straordinario sia per il bilancio che per i risultati ottenuti con un incremento di 20% di presenza in più al Pergolesi, passando dalle 4200 arrivando alle oltre 5000, anche grazie alla collaborazione instaurata con la Fondazione Rete Lirica delle Marche. La Fondazione Colocci passa invece da polo distaccato dell’Università di Macerata a quello di struttura di formazione post-diploma e post-universitaria in grado di formare soggetti in base a quelle che sono le richieste delle imprese del territorio.

Altri importanti obiettivi raggiunti sono state le inaugurazioni del Museo Archeologico e dell’Istituto Marchigiano di Enogastronomia che hanno reso la città più interessante e meta turistica accattivante.

A livello sportivo si è toccato il culmine con gli Eugif, evento che ha visto protagonista l’inclusione. Per quanto concerne ambiente, mobilità e rifiuti il percorso è ancora lungo, ma comunque qualcosa di significativo è stato fatto: la raccolta differenziata è arrivata anche nella zona industriale e il 2019 sarà decisivo per la mobilità sostenibile investendo in mezzi pubblici e piste ciclabili. E in più, c’è in ballo la realizzazione del digestore che, secondo il sindaco «è  fondamentale per una gestione autonoma dei rifiuti ma non per forza deve essere fatto qui a Jesi ma, assolutamente, in provincia». Va fatta una gestione intelligente della raccolta differenziata e il nuovo impianto potrebbe essere la soluzione per ridurre il costo della tari . Per quanto riguarda la sicurezza, per la Polizia Locale in arrivo un ampliamento dell’organico per assicurare servizi più capillari in città con l’assunzione di tre persone a tempo indeterminato. Inoltre, si attuerà nel nuovo anno il progetto sulla videosorveglianza e l’illuminazione pubblica.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.