Biodigestore, Bacci: «Forse no alla Coppetella, si valutano altre zone in città»

JESI – Si è svolto ieri pomeriggio il Consiglio comunale aperto per trattare dell’ipotesi della realizzazione di un impianto biodigestore con possibile localizzazione a Jesi nel quartiere Coppetella. 

«Ho invitato esperti, tecnici e professori – ha detto l’assessore Cinzia Napolitano – per acquisire insieme nuove informazioni ed avere un quadro generale completo sul tema dei rifiuti, una risorsa importante che dobbiamo gestire con responsabilità e consapevolezza».

Il primo intervento è stato quello dell’ingegnere Carlo Santoro che si occupa di fonti rinnovabili. Santoro ha fatto notare come l’Italia sia il paese in Europa con il minor numero di impianti per il trattamento dei rifiuti mentre ad esempio in Danimarca ce ne sono molti di più nonostante il paese sia più piccolo e con meno abitanti. «Il biodigestore -ha evidenziato l’ingegnere- è un impianto che funziona bene e produce energia in maniera netta con una grandissima qualità del prodotto e allo stesso tempo con impatti ridotti al minimo. Questi impianti vanno fatti, ma bisogna essere sicuri del come. Ci deve essere quindi un controllo costante sulla fase di progettazione, su quella di realizzazione e soprattutto sulla gestione una volta avviato».

Si sono susseguiti altri interventi tra cui quello di Francesca Puccini, presidente di Lega Ambiente Marche che ha sottolineato come Lega Ambiente sia stata sempre a sostegno di questi impianti che rientrano nella pianificazione del piano dei rifiuti regionale.

«L’economia circolare -ha riferito la Puccini- ci chiede la realizzazione di questi impianti che vanno a trasformare il rifiuto in risorsa creando occupazione, abbassando le tasse per il conferimento dei rifiuti di almeno cinquanta euro, facendo crescere così la nostra regione».

Dello stesso parere anche il professor Francesco Fatone dell’Università politecinica delle Mache che si occupa di elementi chimici che è intervenuto in consiglio comunale tramite un collegamento telefonico.«Questo impianto- ha ribadito Falcone- va a favore della sostenibilità ed in linea con le leggi europee e tecniche ambientali. Il compost che produce l’impianto viene già utilizzato in alcune zone anche per agricoltura biologica»

A portare una testimonianza per come si gestisce un impianto che produce compost è stato il titolare dell’azienda Trionfi-Honorati che ha ribadito l’importanza del controllo del materiale di entrata nell’impianto e quello di uscita che non deve contenere impurità per questo devono essere eseguiti controlli periodici messi poi a disposizione della cittadinanza per una massima trasparenza.

Si è svolto poi un altro collegamento telefonico da parte di Massimo Gianangeli del Comitato salute e ambiente.

«Mi dispiace sentire – ha detto Gianageli- che invece di parlare di risanamento di una zona ex-aerca con ancora presenza di cromo si parla di aggiungere un altro impianto che può andare in qualche modo ad aggravare la situazione. Inoltre non è stato fatto da parte dell’Ata uno studio comparativo su diverse possibili soluzioni per trattare i rifiuti che dimostri che il biodigestore sia migliore. Mi auguro che l’Ata e l’amministrazione comunale insita su questo aspetto».

Ad intervenire in aula anche Romina Pergolesi, consigliera regionale del M5S, che si è dimostrata perplessa in quanto nell’incontro non sono stati chiamati tecnici che si occupano di sanità visto che a livello nazionale sia medici che biologi stanno facendo ricorso a questi tipi di impianti.

«Mi sorprendo come – ha detto la Pergolesi- il comune di Jesi non abbia ancora lo studio epidemiologico, uno studio comparativo su diverse soluzioni per il trattamento dei rifiuti e un mancato risanamento della zona ex aerca e voglia effettuare la scelta di realizzazione di questo impianto».

«Non possiamo parlare di biodigestore se prima non abbiamo un piano generale dei rifiuti a livello provinciale». Queste sono state le parole di Giuliano Brandoni, coordinatore di rifondazione comunista che ha sottolineato il fatto che si sta parlando di individuare un’impiantistica quando non si sa neanche se serve.

«I comuni limitrofi – ha spiegato Brandoni- nei loro atti hanno evidenziato molti dubbi sulla localizzazione dell’impianto ma non vedo molta partecipazione a questo incontro da parte degli amministratori locali e cittadini.»

A rispondere è stata l’assessore Napolitano che ha evidenziato come l’Ata sta ultimando il piano generale dei rifiuti e nell’assemblea del 29 luglio dovrebbe presentare il documento ultimato. 

A concludere gli interventi dal pubblico è stato Nicolò Pacenti, coordinatore del comitato No Jesi Pattumiera delle Marche che ha posto una serie di considerazioni all’amministrazione. 

«Noi del comitato- ha detto Pacenti- non siamo stati mai contrari a prescindere all’impianto in se ma bensì sulla sua localizzazione in quanto disterebbe a meno di 1 chilomentro da una centrale biogas, da una azienda agricola e soprattuto in una zona ex aerca con ancora presenti tracce di cromo. In questi incontri invece è stato parlato solo dei pregi dell’impianto ma mai nessuna rassicurazione sulla salute, sulla ubicazione dell’impianto e su chi lo gestirà. Ad Ostra intanto sono partite le ultime autorizzazione per costruire un impianto simile di 30.000 tonnellate. Avremo quindi due impianti con camion che porteranno rifiuti in tutti e due gli impianti?».

A rispondere è stato il sindaco Massimo Bacci che ha sostenuto come per la salute non  ci sarebbero problemi in quanto in aria non va nulla come sostenuto e dimostrato da alcuni dati e tecnici.

«Il biodigestore- ha detto Bacci- risulta essere una soluzione all’avanguardia perché altrimenti o si brucia o i sotterra. Molto importante invece la questione della gestione dell’impianto che deve essere virtuosa attraverso una procedura seria di progettazione e realizzazione. Questa amministrazione è molto sensibile in questo aspetto in quanto se questo non dovesse avvenire si rischierebbero serie criticità. Ci deve essere un vero controllo per tutta la durata dell’impianto».

Il sindaco Bacci ha informato anche per l’impianto di Ostra che sta avendo le ultime autorizzazioni.

«Avevamo cercato di capire -ha spiegato Bacci- se era possibile ampliare quello già in fase di progettazione e non farlo qui a Jesi ma ci è stato negato. Ad Ostra essendo privato, dovranno andare solo ed esclusivamente i rifiuti dell’ambito e non dell’intera provincia. Stiamo comunque valutando altre zone nel Comune di Jesi, non è quindi da escludere che ci si allontani dalla Coppetella».

A cura di Emanuel Santoni

 

1 Commento su Biodigestore, Bacci: «Forse no alla Coppetella, si valutano altre zone in città»

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*