Biodigestore, il Comune di Jesi ritira la disponibilità ad accoglierlo | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biodigestore, il Comune di Jesi ritira la disponibilità ad accoglierlo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Biodigestore, il Comune di Jesi ritira la disponibilità ad accoglierlo. É quanto si evince dalle parole dell’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano durante l’assemblea ATA (Assemblea Territoriale d’Ambito) del 30 settembre: «I due siti del Comune di Jesi (Coppetella ed ex Sadam, ndr) che appaiono nell’elenco di quelli disponibili forse conviene proprio toglierli dal documento, per non far perdere tempo a chi farà le valutazioni: non penso siano più disponibili. Cominciate a fare una scrematura». Dall’Ata però replicano che il Comune di Jesi non ha ritirato ancora formalmente la disponibilità per cui «c’è bisogno di un pezzo di carta».

Dopo assemblee, Consigli comunali dedicati, commissioni, interventi di comitati, visite a impianti similari, la faccenda del biodigestore sembrerebbe essere arrivata dunque al suo un epilogo.

Il Comune di Jesi, nel dare disponibilità ad accogliere l’impianto di trattamento dei rifiuti organici della provincia, aveva infatti dettato ad Ata condizioni precise, sopratutto per riguardava la gestione: «Abbiamo detto sì all’ipotesi del biodigestore, condizionandola però a precise prescrizioni affinché vi sia un rigoroso controllo pubblico nelle fasi di progettazione, realizzazione e gestione» aveva detto tempo fa il sindaco Massimo Bacci.

L’Amministrazione comunale proponeva quindi un modello di gestione pubblico-privata, con il 51% della proprietà in mano a privati capaci di portare l’esperienza necessaria e il 49% dell’impianto al pubblico a garanzia di controllo. L’Ata però non era dello stesso parere, spingendo per l’esclusione del privato.

«Non siamo molto stupiti dal fatto che il Comune di Jesi si sia tirato indietro sulla vicenda del biodigestore, dopo che l’ATA, a stragrande maggioranza, ha deciso la gestione pubblica dell’impianto» è il commento del PD Jesi.

Per il gruppo politico politico all’opposizione: «Era evidente sin da agosto dello scorso anno che questa Amministrazione Comunale fosse interessata più agli aspetti societari della gestione dell’impianto che al resto. Non a caso questa maggioranza si era votata un atto di indirizzo ambiguo sulla localizzazione dell’impianto (Coppetella, la ex Sadam?) ma invece molto preciso sul fatto che l’impianto doveva essere gestito da una società a maggioranza privata, senza che negli incontri che ci erano succeduti sulla vicenda si fosse mai parlato di questo». E aggiunge: «Il Partito Democratico di Jesi era e rimane favorevole a valutare l’insediamento del biodigestore nel territorio del Comune di Jesi in una località diversa dalla Coppetella, lontano dalle abitazioni, magari in un area industriale dismessa, con il massimo delle garanzie ambientali e sanitarie e con una gestione pubblica dell’impianto, così come deciso dalla stragrande maggioranza dei Comuni facenti parte dell’ATA. Alla Giunta Bacci adesso l’onere di giustificare alla città il venir meno dell’interesse pubblico, se la società di gestione non ha più la maggioranza privata».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.