Biodigestore, PD Jesi: «L’Amministrazione ha tirato dritto, scelta imposta e non condivisa».

JESI –  «Siamo stanchi di questa gestione del Consiglio Comunale e di questa maggioranza, che continua a calpestare le richieste delle opposizioni, alle quali poi viene chiesta anche una condivisione delle scelte»: queste le parole di indignazione del Gruppo consiliare del PD di Jesi, a poche ore dalla conclusione del Consiglio comunale che ha approvato l’atto di indirizzo sul biodigestore, con il PD e altri gruppi di opposizione che sono usciti dall’aula.

«Era già accaduto in sede di approvazione dello Statuto Comunale e si è ripetuto oggi per il biodigestore, per il quale tutte le opposizioni avevano chiesto un rinvio per approfondire tutti gli aspetti legati all’atto di indirizzo proposto. Così non è stato, ed all’ultimo ci siamo trovati ad esaminare un testo mai visto prima, che si occupa in buona parte soltanto della parte economica – tuona il PD – Il paradosso poi e che quanto votato oggi dalla maggioranza rimane ambiguo sulla localizzazione dell’impianto (Coppetella o da un’altra parte e dove?), che era l’unica domanda a cui il Sindaco doveva rispondere all’ATA. Della dettagliata parte societaria, in cui viene aperta alla possibilità della gestione privata (51% della società) dell’impianto, nessuno ne aveva mai discusso prima in nessuna commissione o consiglio comunale aperto, anche per valutare i costi per l’Ente in questa nuova società o il ruolo della stessa Jesiservizi.

Se a tutto questo ci mettiamo l’annuncio da parte dell’Ass. Napolitano della convocazione di una commissione per valutare gli aspetti sanitari ed ambientali, dopo che si è già presa la decisione sull’impianto, si capisce bene perché le opposizioni siano uscite dall’aula, visto che vengono trattate in questo modo.

Il PD rimane favorevole a valutare l’insediamento in una zona diversa dalla Coppetella, magari in area industriale dove non ci siano abitazioni, e per questo aveva chiesto il rinvio a settembre per approfondimenti.

Questa Amministrazione Comunale invece ha tirato dritto, non capendo ancora una volta che le decisioni per essere condivise si costruiscono, non si impongono dall’alto».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*