Biodigestore, il PD provinciale: «A Jesi regna la totale incertezza»

JESI – Il Partito Democratico della Provincia di Ancona, tramite la voce del segretario provinciale Sabrina Sartini, esprime le proprie considerazioni sulla questione biodigestore«Nel condividere pienamente la posizione resa nota dal Partito Democratico di Jesi in ordine alla questione della localizzazione dell’impianto denominato “biodigestore” in località Coppetella di Jesi, a confine con i Comuni di Monsano, Monte San Vito e Chiaravalle, esprime la propria preoccupazione in ordine «alla totale incertezza che ad oggi regna circa la manifestata volontà dall’Amministrazione Comunale di Jesi di insediare in località Coppetella l’impianto in questione». Il Partito Democratico tiene a precisare come «la scelta di tale localizzazione non sia il frutto di una decisione dell’ATA, notizia questa infondata e fatta circolare da esponenti del Movimento 5 Stelle e da Sindaci “civici” quali il monsanvitese Thomas Cillo, (che solo oggi si lamenta del mancato coinvolgimento ma appena qualche settimana fa da Consigliere di opposizione aveva lasciato cadere nel vuoto ogni proposta di approfondimento sul tema venuta dalla vecchia maggioranza PD alla guida di Monte San Vito), forse più interessati a difendere le sorti dell’altro Sindaco “civico” Bacci che ad affrontare seriamente la questione, ma sia il frutto di una proposta avanzata dallo stesso Sindaco di Jesi Massimo Bacci senza alcuna condivisione con i Comuni confinanti».

Se dunque ad oggi tale proposta di localizzazione è sul piatto della discussione è «per tale disponibilità offerta dall’Amministrazione Jesina e non certo per proposte provenienti dall’ATA che, a quanto risulta, ha più volte sollecitato una decisione definitiva e formale in tal senso, positiva o negativa che sia, da parte dell’Amministrazione jesina dopo che la stessa nei mesi scorsi aveva avanzato la proposta in questione. Dal canto suo, il Partito Democratico della Provincia di Ancona sollecita il sindaco Bacci a rendere nota la sua proposta al fine di poterne consentire, nel più breve tempo possibile, l’esame e la discussione da parte delle Comunità, dei cittadini e dei soggetti interessati, oltreché da parte dello stesso Partito Democratico che a Jesi è forza di opposizione e non di maggioranza e dunque non ha il potere di prendere decisioni, evitando nel contempo di addossare ad altri Enti o ad altre forze politiche responsabilità in proposte che sono ascrivibili esclusivamente alla Sua Amministrazione. Parimenti, il Partito Democratico della Provincia di Ancona ribadisce la necessità che sia data in tempi certi e compatibili con l’effettuazione di tutti gli approfondimenti del caso, sia da un punto di vista ambientale che di salubrità, da parte di tutti i soggetti interessati, una risposta concreta e rapida al problema della chiusura del ciclo integrato dei rifiuti nella Provincia di Ancona; problema che, si ribadisce con chiarezza affinché non possano esservi fraintendimenti, non necessariamente deve prevedere Jesi come luogo di localizzazione dell’impianto ove si ritenga che non ve ne siano le condizioni».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*