Biodigestore, Jesi in stand by: «Si valutano ora tre siti ad Ancona» | | Password Magazine

Biodigestore, Jesi in stand by: «Si valutano ora tre siti ad Ancona»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Biodigestore, l’ora della scelta. Martedì scorso è tornata a riunirsi la politica provinciale sul tema rifiuti in occasione dell’assemblea ATA: tra i punti all’ordine del giorno anche l’impianto smaltimento rifiuti solidi urbani che ha riservato sorprese e spunti di riflessione.

Lo fa sapere il gruppo di maggioranza politica Jesiamo: «Nonostante il ritardo sulle tempistiche di realizzazione degli impianti all’interno del nostro ambito territoriale, compreso il digestore sul quale nel mese di agosto si era deliberata la possibilità di essere insediato nel nostro Comune, da quanto emerso nella discussione non sembra che ci sia tutta questa fretta nel prendere una via per la soluzione del problema smaltimento dell’umido, tanto che si può attendere, e qui sta una prima sorpresa, la valutazione di ben 3 siti alternativi posti nel Comune di Ancona. Insomma un ritorno indietro di un anno, come dire che tutta quella fretta richiesta per ottenere la disponibilità di un’area all’interno del Comune di Jesi per realizzare l’impianto entro il 2022 – con incentivi europei annessi – non è ora più cosi urgente. Premesso che un impianto posto nel Comune di Ancona sarebbe comunque sempre più baricentrico del sito dove ora conferiamo i nostri rifiuti posto a centinaia di chilometri di distanza, il contendere non è tanto sull’ubicazione ma sulla forma di affidamento e societario che si vuole perseguire.
Jesi ha inviato la propria proposta, ritenuta assolutamente perseguibile e con criticità facilmente superabili, basata su una società a partecipazione mista pubblico – privato dove l’importanza di quest’ultimo risiede nella possibilità economica di affrontare l’investimento e soprattutto nella capacità tecnica di realizzare l’impianto e d una approfondita conoscenza nel gestirlo. In contrapposizione, nessuna proposta concreta, ma solo quella che sembra essere la volontà politica maggiore: l’affidamento in house ovvero impianto totalmente pubblico che apre a nostro modo di vedere il problema di chi lo finanzierà – i soci dovrebbero essere i Comuni dell’ATA – e soprattutto chi e come lo gestirà, oltre che chiudere le porte a quella concorrenza tanto rincorsa nei pareri richiesti dall’ATA all’autorità competente.
In tutto questo deve trovare posto l’interesse dei cittadini, della collettività, cioè quello di avere un’autosufficienza di ambito che le permetta un ciclo rifiuti integrato che porti economie a tutto il territorio.
Jesi ha fatto il suo percorso e la sua proposta, al momento unica nella provincia, presto, perché il tempo ha un suo valore, chiederemo che l’Assemblea dei Comuni componenti l’ATA si esprima sul futuro della gestione rifiuti nella nostra provincia».

DELIBERA SUL BIODIGESTORE FONDATA E PRATICABILE

Il Comune di Jesi ha fornito risposta alle osservazioni trasmesse dall’Ata in merito alla delibera del Consiglio Comunale dell’agosto 2019 relativa all’ipotesi di realizzazione di un biodigestore.           

Va ricordato che l’Ata ha voluto approfondire in maniera dettagliata la delibera in questione, anche con un confronto articolato con l’Anac (Autorità nazionale anticorruzione) e l’Agcm (Autorità garante della concorrenza).

Dalla verifica è emersa in maniera chiara – come confermato anche dal direttore dell’Ata – la corretta procedura adottata dal Comune di Jesi che è risultata fondata e praticabile. 

Vi è un solo punto, per altro non vincolante, dove l’Autorità per la concorrenza si esprime, vale a dire sul vincolo che l’impianto tratti i rifiuti di tutti i Comuni dell’Ambito, ritenendo che questo sia lesivo della concorrenza.

«È un atto, quello del Consiglio comunale – ha sottolineato Massimo Bacci – di cui vado particolarmente orgoglioso come sindaco perché è giunto a conclusione di un percorso dove credo la politica abbia dato il meglio di sé in termini di serietà, responsabilità e partecipazione. Ora attendiamo che l’Ata si pronunci sulla delibera, per non perdere ulteriore tempo».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.