Biodigestore, l’Ata: «Dovrà essere pronto per il 2022. Jesi decida entro maggio»

JESI – Biodigestore pronto entro dicembre del 2022. Incalzano i tempi per la realizzazione dell’impianto di trattamento dei rifiuti organici che l’Ata Rifiuti intende realizzare in zona Interporto, nel quartiere Coppetella. In sede di commissione consiliare, ieri pomeriggio, Ata e Nomisma hanno invitato l’Amministrazione ad avviarsi verso  una decisione: sì o no entro fine maggio. Altrimenti, dicono, il rischio è di perdere i generosi incentivi dello Stato.
«C’è necessità e urgenza di un piano d’ambito che stabilisca in modo definitivo dove dovrà essere collocato l’impianto» ha detto Luigi Cerioni, presidente dell’assemblea Ata 2, nonché presidente della provincia di Ancona. Presenti in aula ad ascoltare non solo consiglieri e membri della Giunta ma anche esponenti di associazioni, forze politiche, rappresentanti dei comitati di quartiere Coppetella e No Jesi Pattumiera delle Marche. «A monte c’è un piano d’ambito regionale che impone a ogni territorio di dotarsi di un biodigestore per il trattamento e recupero dell’organico, secondo un sistema di economia circolare – ha detto il direttore Ata ing. Massimiliano Cenerini – Preme il rispetto delle scadenze, fissate entro il 2022, per rientrare nel sistema incentivante dello Stato che è estremamente generoso, in quanto ha l’obbligo di rendicontare all’Unione Europea, entro quei termini, di aver coperto un decimo del fabbisogno di metano per autotrazione con prodotti derivati da fonti rinnovabili. Il biodigestore è in questo senso considerato un impianto green».

I tecnici hanno concluso lo studio di fattibilità e terminati tutti gli step progettuali: ora dunque occorre solo decidere. Esclusi i siti individuati come possibili soluzioni a Maiolati e a Fabriano, l’Ata ritiene la zona Interporto ideale per posizione e centralità alla realizzazione dell’impianto. Ad illustrarne modalità e funzionamento l’ingegner Massimo Stella dell’Ata e successivamente Claudio Orsi dell’IGV srl, partner tecnico di Nomisma che ha realizzato l’analisi di fattibilità: come è noto, l’impianto è finalizzato al recupero del rifiuto organico e alla sua trasformazione in biometano e compost per l’agricoltura attraverso un processo anaerobico che esclude la diffusione di odori nelle aree circostanti.  Qui verranno convogliati circa 50 mila tonnellate l’anno di rifiuti organici da tutta la provincia. Secondo le stime previste dall’analisi di fattibilità di Nomisma, l’investimento per avviare il biodigestore sfiora i 30 milioni di euro. Ci saranno ricadute economiche per il comune che lo accoglierà tra i suoi confini: 5 euro per tonnellata di rifiuto conferito. Una quota del 20%  è destinata alla ripartizione tra i comuni limitrofi interessati dal traffico indotto. «Potrebbe essere un vantaggio per il futuro – ha detto l’assessore Cinzia Napolitano -, è questo che ci spinge a valutare questa possibilità».

Il sindaco Massimo Bacci ha però chiesto all’Ata un rinvio dei tempi per la decisione:  «Sono convinto che un biodigestore sul territorio provinciale debba esserci – ha detto Bacci -, avevamo preso l’impegno di valutare una progettazione:  per il comune che ospita ovviamente devono esserci tutte le garanzie che l’impianto sia in prima luogo sicuro per l’ambiente e la salute dei cittadini. La comunità jesina va coinvolta nella scelta attraverso un percorso condiviso: per la risposta, chiediamo di poterci riflettere fino alla fine di giugno».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*