Biodigestore: Legambiente, Anci e sindacati a favore dell’impianto

JESI – «Non c’è più tempo. Le Marche hanno bisogno, subito e prioritariamente, degli impianti (almeno due) per trattare l’organico differenziato, che rappresenta circa il 30% dei rifiuti urbani che produciamo, altrimenti questa parte continuerà a finire, riempiendole, nelle discariche producendo cattivi odori e percolato, o in impianti di riciclo lontani anche centinaia di chilometri, a costi insopportabili per le tasche dei cittadini, consumando gasolio, inquinando l’aria e rendendo sempre più insicure strade e autostrade». Questo l’appello lanciato da Legambiente Marche, Anci Marche, Cisl Marche, Uil Marche e Movimento Difesa del Cittadino Marche. Riuniti intorno al tavolo, insieme al sindaco Massimo Bacci e all’assessore all’Ambiente Cinzia Napolitano, il presidente nazionale di Legambiente affiancato dalla presidente regionale Francesca Pulcini, il presidente Anci Marche Maurizio Mangialardi Roberto Ascani, segretario generale Fit Cisl Marche.

Per il sindaco Bacci il biodigestore è da realizzare sul nostro territorio provinciale ma «bisogna ancora individuare la locazione giusta». Si tratta di «una scelta coraggiosa» ha detto Mangialardi che va nella direzione di installare sul territorio «impianti in grado di convertire i rifiuti in prodotti riutilizzabile».

«Secondo l’ultimo report della Regione Marche, nel 2017 sono stati raccolti in maniera differenziata oltre 66.000 tonnellate di verde ed oltre 150.000 tonnellate di organico, per una media di produzione di rifiuti pro capite superiore ai 140 kg/abitante*anno” – dicono le associazioni che lanciano l’appello – Le ATA hanno avviato da tempo i lavori per le approvazioni dei rispettivi Piani d’Ambito e questa è l’occasione perfetta per investire in un’impiantistica adatta allo sviluppo del biometano, considerando che oltre il 30% della frazione organica prodotta viene trattata fuori regione per mancanza di impianti e che quelli pubblici nelle Marche riescono a coprire solamente il 38% del fabbisogno regionale di recupero della frazione organica, mediante solo compostaggio».

«Noi riteniamo che gli impianti migliori, più moderni, efficienti ed economicamente convenienti, siano gli impianti di digestione anaerobica, che producono compost di qualità e biometano per l’autotrazione o l’immissione nella rete di distribuzione del gas, e che hanno un impatto trascurabile sull’Ambiente e sul territorio – dicono Ciafani e Pulcini da Legambiente – Occorre fare presto e realizzare gli impianti per gestire il ciclo dei rifiuti, impianti coerenti con le linee guida del piano, ma soprattutto con le necessità dei territori, dell’economia circolare, della gestione di prossimità dei rifiuti prodotti, promuovendo percorsi di partecipazione e coinvolgimento dei territori coinvolti. In caso contrario perderemo, tutti, la scommessa di far continuare a crescere le Marche nella buona gestione dei rifiuti». Per Ascani (Cisl): «Si tratta di un’infrastruttura necessaria nella nostra provincia, la soluzione giusta per il territorio».

Bacci però ribadisce che ancora Jesi non ha deciso se accogliere o meno l’impianto, nonostante i tempi imposti dai tecnici dell’ ATA siano piuttosto stretti (entro maggio). La Napolitano puntualizza: «La zona Interporto è stata selezionata dall’Ata Rifiuti come idonea, non siamo stati noi a proporla».

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*