Biodigestore, Legambiente: «L'impianto virtuoso per chiudere la filiera ed abbattere i costi» | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biodigestore, Legambiente: «L’impianto virtuoso per chiudere la filiera ed abbattere i costi»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
JESI – «Nelle Marche siamo pronti per investire nel biometano. Per chiudere il ciclo dei rifiuti è necessaria la realizzazione di nuovi impianti di digestione anaerobica». Legambiente Marche, attraverso la voce della presidente Francesca Pulcini, dice sì al biodigestore in zona Coppetella, prendendo la parola sulla questione che ha sollevato proteste e preoccupazioni da parte dei residenti e comitati.
Il nuovo impianto di trattamento dei rifiuti organici troverà spazio all’interno della provincia di Ancona: il suggerimento dell’Ata è di realizzarlo nel territorio di Jesi, in zona Interporto, ritenuta logisticamente e geograficamente ottimale, lasciando all’Amministrazione il tempo di compiere le dovute valutazioni. I residenti però non sono d’accordo, tanto da costituirsi nel neo comitato “No a Jesi Pattumiera delle Marche”.
Legambiente però tenta di spegnere ogni polemica: «Di fatto per ora non esiste alcun progetto definitivo – spiega la presidente Pulcini  – Il biodigestore che sarà realizzato nella provincia di Ancona sarà il primo nelle Marche e tratterà solo la frazione dell’umido, ovvero gli scarti alimentari». Nel nuovo impianto confluiranno quasi 100 mila tonnellate tra organico e verde della provincia di Ancona e di una parte di Pesaro-Urbino.
Le ATA hanno avviato da tempo i lavori per le approvazioni dei rispettivi Piani d’Ambito: «Questa è l’occasione perfetta per investire in un’impiantistica adatta allo sviluppo del biometano – spiega la Puccini – considerato che oltre il 30% della frazione organica prodotta viene trattata fuori regione per mancanza di impianti, con costi maggiori a carico dei cittadini,  e che gli impianti in Regione a gestione pubblica riescono a coprire solamente il 38% del fabbisogno regionale di recupero della frazione organica, mediante solo compostaggio. Questi impianti sono una risorsa per il territorio e costituiscono anche un’opportunità per il quartiere Coppetella di riconversione e riqualificazione della zona». Per la Puccini, i rischi ambientali sarebbero assenti: «Il processo di fermentazione non rilascia nulla nell’aria. Non ci sono emissioni inquinanti e niente viene bruciato. Oggi il biometano viene immesso direttamente in rete, secondo un percorso virtuosissimo». Tra le contestazioni mossa dal neo comitato, c’è
la questione dei camion, circa una quarantina al giorno, che dalla superstrada raggiungerebbero l’Interporto per il conferimento dei rifiuti. A questo, Legambiente risponde: «Sono mezzi che circolano comunque e che andando fuori producono ancor più emissioni di CO2 e un aumento dei costi a carico del cittadini. Con questo progetto riusciremo a chiudere la filiera, ridurre i costi e produrre biometano».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.