Biodigestore, l’ex consigliere PD Marasca: «Favorevole all’impianto»

JESI – Biodigestore, nel dibattito politico partecipa anche l‘ex consigliere comunale del Partito Democratico Matteo Marasca che si dice favorevole: «Ho potuto seguire con attenzione il dibattito che si è sviluppato in Città sulla possibilità di realizzare sul territorio comunale un biodigestore, quale impianto di produzione di biometano e compost, alimentato con la frazione organica dei rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata e dal verde urbano – scrive in una nota -. Un impianto che potrebbe contribuire alla produzione di energia, di calore e di fertilizzanti utilizzati in agricoltura. Un impianto capace di trasformare gli scarti alimentari e gli altri materiali organici che finiscono nella nostra spazzatura in una risorsa, da utilizzare per sostenere i bisogni della nostra quotidianità».

Per Marasca, «tale impianto permetterebbe di riutilizzare e trattare il rifiuto organico in ambito provinciale e di evitare così il pesante indotto in termini di impatto ambientale e di costi collegati al trasporto dei rifiuti al di fuori del nostro territorio. Un impianto che appare ben diverso e di gran lunga più virtuoso degli inceneritori.  Un impianto che si pone quale naturale conclusione del ciclo integrato dei rifiuti. È pura logica, infatti, collegare all’elevato livello di raccolta differenziata a cui siamo arrivati, anche grazie al contributo delle nostre famiglie, un sistema di riuso del rifiuto stesso, che sia il meno impattante e il più sostenibile e utile al territorio. Per tali ragioni, la realizzazione di un biodigestore nella nostra provincia mi vede favorevole e come me vede favorevoli molti altri cittadini con cui ho avuto modo di confrontarmi in questi mesi». E aggiunge: «Ritengo, pertanto, che all’interno di una politica di area vasta e di una visione strategica nella gestione dei rifiuti, finalizzata ad evitare responsabilmente situazioni di forte criticità emerse in diverse aree del nostro paese, è necessario che anche il Comune di Jesi faccia la propria parte, quale importante realtà nella Provincia di Ancona, aprendo alla possibilità che tale opera possa essere inserita sul territorio comunale, conseguendo così, non solo gli obiettivi sopra descritti, ma anche importanti contributi economici e future opportunità occupazionali».

«In questa operazione, ritengo che il Consiglio Comunale, anche sulla base delle politiche ambientali che si sono sviluppate negli anni, in ambito sovracomunale e con altri enti, abbia l’opportunità di sostenere l’Amministrazione Comunale su questo tema, pretendendo le migliori condizioni, affinché l’impianto venga installato a Jesi nel modo più sicuro e compatibile con le esigenze dei cittadini, magari presso aree produttive da riconvertire e senza ulteriore consumo di territorio, evitando il più possibile aree in prossimità di centri abitati. Oltre agli eventi informativi e ai momenti partecipativi, che pur ci sono stati, sono sicuro che il Consiglio Comunale, di cui ho fatto parte per anni, saprà fare la miglior sintesi nell’interesse generale, per la nostra comunità e per pretendere un ruolo forte della Città in ambito provinciale, anche nella fase di realizzazione dell’impianto. Sarà necessario, infatti, non limitare l’attenzione “alla scelta” del sito, bensì sarà cruciale seguire, passo dopo passo, la realizzazione di tale opera, coinvolgendo da vicino i cittadini, gli esperti e gli operatori, in maniera tale da assicurare, ma soprattutto garantire, la massima qualità e la sicurezza dell’impianto. Tutto ciò nell’ottica di perseguire coerenti politiche di gestione del nostro territorio, mirate alla tutela dell’ambiente e alla salvaguardia della salute, con responsabilità e con uno sguardo al futuro».

Matteo Marasca

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*