«Biodigestore, una procedura che esclude i diritti dei cittadini?»

JESI  – Biodigestore, procedure basate su logiche di profitto e interessi a discapito dei diritti dei cittadini? La consigliera regionale Romina Pergolesi e il presidente per il Comitato Salute Ambiente Vallesina Massimo Gianangeli sollevano dubbi sulla modalità con cui l’Assemblea d’Ambito 2 – Ancona e ATA stanno procedendo sull’infuocata vicenda dell’impianto proposto a Jesi, convinti che l’iter intrapreso non sia pienamente conforme alle normative vigenti sulla pianificazione e sulla VAS -Valutazione Ambientale Strategica.

«Il progetto di biodigestore proposto nel territorio comunale sconta un approccio metodologico e procedurale molto superficiale che appare non rispondente alle stesse normative comunitarie nazionali e perfino della Regione Marche – sostengono -, per non parlare degli indirizzi della giurisprudenza comunitaria e costituzionale».

Mentre ad Ancona si stanno valutando tre nuovi siti per accogliere l’impianto di trattamento di rifiuti organici, la proposta di Jesi – approvata in tutta fretta in Consiglio comunale l’estate scorsa su sollecitazione dell’ATA – sembra essere stata messa in stand by.

Eppure, come ha spiegato il giurista ambientale Marco Grondacci, la legge e la giurisprudenza sono chiare in materia: tipologia di impianti e siti per chiudere il ciclo dei rifiuti devono essere oggetto di una pianificazione regionale e di ambito. «Ad oggi – sostiene Grondacci – non esiste un piano di ambito, neppure adottato tanto che la recente nota informativa del 18 febbraio 2020 dell’Assemblea Ato2, sugli step procedurali per realizzare il progetto di biodigestore prevede di avviare la VAS successivamente alla adozione di detto Piano di Ambito, in palese contrasto con il testo unico ambientale. In poche parole, si evita appositamente una pianificazione corretta per lasciare spazio a iniziative imprenditoriali».

Un modo di procedere che impedirebbe, di conseguenza, una reale ed effettiva valutazione preventiva per scenari alternativi di sito e tecnologia per la gestione dei rifiuti organici, con la successiva VAS che servirebbe di fatto solo per giustificare quanto già deciso a livello politico: «Le normative VAS prevedono finestre chiare e definite di partecipazione dei cittadini e dei soggetti interessati le quali, con le modalità adottate finora, verrebbero totalmente svilite e private della reale funzione inquadrate dalle norme – aggiunge Massimo Gianangeli -. Secondo questo modo di procedere le comunità locali vengono tenute fuori, non è più pianificazione pubblica con la concomitante VAS a decidere il sito e la tecnologia dei rifiuti ma è la pianificazione che ex posto dovrà adeguarsi a quanto deciso preventivamente fuori dai canoni della legge». Un biodigestore dunque stabilito a priori, con il rischio che ad accoglierlo sia il sito più forte politicamente e non più vantaggioso per i cittadini. Lo stesso parere dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato richiesto da Assemblea Ato 2 pone un problema rilevante in realzione alle modalità gestionali societarie del previsto progetto di biodigestore: «Ci riferiamo – spiega Grondacci – alla questione delle tariffe di copertura del servizio gestione rifiuti che, come conferma detto parere, non possono essere decise dalla società mista pubblico privata ma semmai dalla Ato con passaggio finale dai Consigli comunali in conformità al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, come previsto dall’articolo 6 della delibera ARERA del 31 ottobre 2019 sul nuovo metodo tariffario dei rifiuti. Il che conferma che quanto espresso dal Garante non è un’opzione facoltativa, come intende invece far credere l’Amministrazione comunale di Jesi».

Pronta dunque un’istanza, presentata al Comune di Jesi e al Consiglio comunale, affinché venga rivista la procedura ad oggi adottata per la realizzazione del biodigestore e anche un’interrogazione regionale per chiedere alla Giunta un giudizio su questo modo di procedere a livello di ambito territoriale. «Per ora il Comune di Jesi non ha risposto – dicono Gianangeli e Pergolesi – A questo punto, nostro malgrado, non ci resta che, dopo un’ulteriore sollecitazione verso l’ente Comune e verso i sindaci componenti dell’Ata, interessare di tutta la questione le autorità giudiziarie: Corte dei Conti e Procura della Repubblica, riservandosi se la procedura seguita continuerà ad essere quella attuale la possibilità di impugnare in sede di giustizia amministrativa quanto verrà deciso a livello di ambito territorialmente interessato».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.