Biogas, il Comune di Castelbellino ai Consiglieri Regionali: "Respingete la proposta di legge regionale della Giunta" | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Biogas, il Comune di Castelbellino ai Consiglieri Regionali: "Respingete la proposta di legge regionale della Giunta"

CASTELBELLINO – “Due anni fa, nel febbraio 2012, completamente inascoltati dall’Amministrazione Regionale del Governatore Spacca, l’Amministrazione Comunale di Castelbellino ha inviato all’ente un Ordine del Giorno sul tema biogas votato dal Consiglio Comunale di Castelbellino, ripreso, poi, dai Comuni di mezza regione e da tanti Comuni italiani; nel documento – “corretta gestione e ubicazione degli impianti a biogas”- molto articolato nell’esame delle problematiche poste dall’insediamento degli impianti, tra i tanti aspetti esaminati si rivolgevano due richieste sostanziali alla Regione Marche  e si prospettava uno scenario.

Le richieste: regolamentare l’ubicazione degli impianti e sottoporli a Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), nonostante la Legge Regionale approvata dallo stesso ente escludesse gli impianti al di sotto della soglia di un 1MWe.

Lo scenario: il rischio di veder impugnate le autorizzazioni per illegittimità della legge e per le modalità di svolgimento della Conferenza dei Servizi, più volte sostenuta nella corrispondenza tra enti e negli incontri istituzionali. Entrambe le richieste, rappresentano tuttora i motivi di diritto contenuti nel ricorso effettuato dall’Amministrazione Comunale di Castelbellino  al Presidente della Repubblica contro l’autorizzazione all’impianto a biogas di Castelbellino concessa dalla Regione Marche con Decreto n.55/EFR del 20/06/2012 in discussione al Tar Marche nei prossimi mesi.

Nel frattempo la Corte Costituzionale, con sentenza n.93 del 22 maggio 2013 ha sancito l’incostituzionalità  e la violazione del diritto comunitario della Legge regionale con la quale sono stati autorizzati  tutti gli impianti a biogas delle Marche (tranne uno), per gli stessi motivi evidenziati anche dal Comune di Castelbellino, oltre che dai Comitati, e cioè l’assenza di verifica di assoggettabilità alla VIA per gli impianti con soglia al di sotto di 1MWe, ed il Tar Marche ha annullato, come immediata conseguenza nei primi due ricorsi esaminati, le autorizzazioni rilasciate ai relativi impianti.

Il 16/12/2013 con la delibera di Giunta n.1682, l’Amministrazione Regionale ha chiesto al Consiglio Regionale di emanare una legge in tempi rapidi atta ad adeguare le autorizzazioni rilasciate senza screening di VIA, tramite la rinnovazione (?) delle autorizzazioni ed applicare eventualmente una VIA con riferimento alla normativa vigente nel 2012, e non all’ultima normativa deliberata dal Consiglio Regionale, la DACR n.62 del 15/01/2013, nella quale si regolamenta, finalmente, le aree non idonee all’installazione di impianti a biogas e l’iter amministrativo viene reso più stringente.

E, siccome la VIA per il D.Lgs 152/2006 è “Presupposto al procedimento”, si cerca di sanare un errore introducendo un nuovo errore utilizzando un presupposto integrante del procedimento come un assoggettamento retroattivo, in più, con il riferimento ad una normativa non più vigente già superata dalla normativa emanata dallo stesso ente; elementi in palese contraddizione in termini amministrativi e giuridici.

Con le motivazioni espresse, l’Amministrazione Comunale chiede ai Consiglieri Regionali di respingere la proposta di legge regionale n.1682/2012 voluta dalla Giunta Regionale e di approvare un provvedimento che, per tutti gli impianti a biogas-biomassa autorizzati con disposizioni difformi alla Direttiva Comunitaria 2011/92/CE, preveda una nuova “Autorizzazione Unica” da effettuarsi in tempi brevi  ma con le norme attualmente vigenti e che, nelle more della valutazione finale di tale istituto, preveda la sospensione dell’attività degli impianti. Seguiremo l’iter legislativo in Commissione Consiliare Ambiente alla quale invieremo le nostre osservazioni e richiederemo un incontro; ed invitiamo il Consiglio regionale ed il Presidente Spacca a ravvedersi dal procedere nelle modalità annunciate verificando le conseguenze giuridiche ed i rischi economici ai quali può esporre l’ente, e quindi i marchigiani, in caso di nuovo pronunciamento di illegittimità sulla nuova legge che ci vedrà costretti ad adire per le vie legali alla richiesta di risarcimento danni per il danno ambientale prodotto da autorizzazioni rese nulle dall’intervento della giustizia amministrativa.

Già due anni fa paventammo rischi, puntualmente verificatisi, scambiati dalla Giunta regionale per “sensibilità critiche ispirate a logiche localistiche provenienti dai territori (testuale, comunicato stampa 15/12/2012); chiediamo ulteriore riflessione in merito ad una problematica così complessa”.

 

 

 

Comunicato da: Comune di Castelbellino

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.