Biogas, l'appello dei Comuni della Vallesina alla Regione: "Più garanzie, più controlli" | Password Magazine
Festival Pergolesi

Biogas, l'appello dei Comuni della Vallesina alla Regione: "Più garanzie, più controlli"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Trasparenza e maggiori garanzie da parte della Regione Marche, in materia di impianti di produzione elettrica da biogas.

È quanto richiesto nel documento pubblico presentato ieri in conferenza stampa, in presenza dei giornalisti, dei cittadini e di alcuni manifestanti, redatto e sottoscritto dai Sindaci di Jesi, Massimo Bacci, di Monsano, Gianluca Fioretti, di Camerata Picena, Paolo Tittarelli, di Castelbellino, Demetrio Papadopoulos, e di Maiolati Spontini, Giancarlo Carbini.

“L’obiettivo – si apprende dal documento indirizzato agli organi della Regione Marche – prevede che qualsiasi nuovo progetto impiantistisco di produzione di energia elettrica, con conseguente impatto ambientale, debba essere attentamente valutato, coinvolgendo gli Ente Locali preposti alla Salvaguardia e alla qualità dell’Ambiente, alla conservazione dei suoli, all’impatto paesaggistico e alla salute pubblica e autorizzato solo se effettivamente, realmente, corrispondenti ai bisogni della comunità”.

Dunque, non una classica manovra alla “NiMBY” – acronimo di “Not in My Back Yard”, non nel mio cortile – quanto piuttosto un appello alla “buona politica” di fronte alla proliferazione indiscriminata negli ultimi mesi di richieste di autorizzazione di centrali a biogas, utilizzanti gli incentivi del Decreto sulle Rinnovabili e rispondenti al Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR) che prevede la diffusione sul territorio marchigiano di piccole centrali per la produzione di energia da fonti rinnovabili, con l’intento di diminuire la domanda attraverso l’autoproduzione, evitare la costruzione di mega centrali e contribuire concretamente alla riduzione delle emissioni di gas serra.

L’aumento delle domande per la costruzione di impianti, aventi carattere esclusivamente speculativo – ne sono previsti una decina solo nella Provincia di Ancona – rischia, qualora la Regione rilasciasse autorizzazioni poco scrupolose e mancanti di tutti i necessari pareri, di impattare su un territorio, come quella della Vallesina, già compromesso da seri problemi ambientali.

La Giunta regionale, d’altro canto, ha già approvato una Delibera che inserisce misure più stringenti e restrittive all’interno dell’iter di approvazione di questi impianti, non valide però anche per i procedimenti in corso di autorizzazione. “Con tale Delibera – si legge nel documento – si è attuata una moratoria al contrario, con la “liberalizzazione”, di fatto, di tutti i procedimenti in corso, con i Comuni nel semplice ruolo di comprimari in sede di conferenza dei servizi”.

Linee guida per una maggiore sicurezza e tutela della salute e dell’ambiente, quindi, esisterebbero già, peccato però che siano state dettate a posteriori rispetto alle autorizzazioni già rilasciate dalla Regione e quindi non estendibili ai progetti già approvati e per i quali non siano ancora conclusi i lavori di realizzazione dell’impianto.

Da qui, le preoccupazioni sollevate dai Sindaci della Vallesina, un territorio provato dalle pressioni degli impianti già esistenti e da una zona AERCA (Area di Elevato Rischio di Crisi Ambientale) che sottopongono le comunità a possibili rischi riguardo la qualità dell’aria e la salute dei cittadini.

Le Amministrazioni puntualizzano nel documento che sarebbe stata necessaria un’adeguata e doverosa pianificazione e programmazione che tenesse conto anche “delle singolari situazioni e degli impatti che può provocare qualsiasi intervento invasivo su un territorio comunque complesso come quello marchigiano, con inevitabili ripercussioni sulle comunità e sulle Amministrazioni locali,  lasciate troppo spesso da sole a confrontarsi con i propri cittadini, legittimamente preoccupati per la salvaguardia del territorio e per le frequenti, incontrollate affermazioni sui possibili effetti sulla loro salute”.

È questa la posizione dei cinque Sindaci, i cui rispettivi territori sono già al centro di progetti di realizzazione di impianti a biogas, ad eccezione del Comune di Maiolati Spontini “anche se – spiega il sindaco Giancarlo Carbini – non è escluso che possa pervenire qualche domanda nell’immediato futuro”.

In conclusione, i Sindaci si sono dichiarati disponibili ad ogni collaborazione e contributo “all’interno di un percorso concreto e condiviso, verso la piena sostenibilità dei nostri territori e della nostra splendida regione”.

 

a cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.