Matt Cancelleria
Vai al Sito

Biogas, le parole del Sindaco di Castelbellino

Il botta e risposta tra l’Amministrazione comunale di Castelbellino e il Comitato Tutela Salute e Ambiente Vallesina continua sulle pagine della stampa. Di seguito le parole del sindaco Demetrio Papadopoulos:

“Forse deluderò qualcuno, ma non intendo parlare dell’impianto a biogas previsto a Castelbellino, che pur non essendo né il primo, né l’unico previsto in Vallesina, ha attirato stranamente l’esclusiva attenzione del sedicente “Comitato per la tutela della salute e dell’ambiente della Vallesina”.

Oramai ne parlano in tanti e quasi tutti ne parlano da esperti, anche se la maggioranza di essi confonde l’impianto di Castelbellino (digestore anaerobico) con gli inceneritori o con i termovalorizzatori o con altre strutture che niente hanno che fare con la produzione di biogas, addirittura qualcuno paragona le vicende di questo impianto con quelle di Scanzano Jonico  di qualche anno fa (stoccaggio scorie radioattive): ma si sa, la semiconoscenza è peggiore dell’ignoranza.

Alla confusione, e se vogliamo anche alle sacrosante paure di tanta gente interessata a sapere, contribuisce il Comitato, che volutamente fa disinformazione ed allarmismo parlando di tonnellate di veleni, di tumori, di svalutazioni di immobili e distribuendo, perfino alla festa di carnevale per i bambini, lugubri volantini.

Dopo questa doverosa premessa vengo al tema che più mi preme affrontare.

Ho più volte ignorato le provocazioni, le ironie scritte e verbali del Presidente del Comitato e lo stesso hanno fatto Assessori e Consiglieri più volte offesi.

Ho ignorato le ingiurie verso la mia persona scritte da ignoti su manufatti e strade di Castelbellino, come ho ignorato le offese giunte nella mia abitazione e nel municipio tramite lettere anonime e perfino con i così detti “pizzini”, che evocano ambienti e luoghi ben diversi da quelli dove si svolgono le attività democratiche del Paese Italia.

Uno di questi luoghi è certamente il Consiglio Comunale di Castelbellino, al quale il Presidente Gambini nella seduta del 20 febbraio scorso, è mancato di rispetto, costringendo il sottoscritto a sospendere la seduta consiliare.

Questo non è tollerabile perché non è un’offesa personale, ma un’offesa all’istituzione del Consiglio Comunale democraticamente eletto dai cittadini di Castelbellino.

Lo sa bene Gambini, lui stesso è consigliere in un altro Comune, che il pubblico che assiste ad un Consiglio Comunale non può prendere la parola e deve rimanere in silenzio, astenendosi da qualsiasi segno di approvazione o disapprovazione; malgrado tutto lui lo fa senza il minimo pudore e se ne vanta pure nei suoi vari comunicati “….A questo punto, visti i continui attacchi ricevuti, il Presidente Gambini ha ritenuto opportuno di dover rompere il velo vergognoso dell’obbligo del silenzio della platea….per ricordare ai presenti che lui è il primo firmatario delle lettere invito/diffida e Presidente del Comitato…” .

Probabilmente Gambini è particolarmente confuso e vede le regole come limitazioni alle sue libertà! Quanta fiducia si può dare ad uno così?

Gambini sa bene, o almeno si spera, che i Comitati dei cittadini non possono presentare emendamenti all’Ordine del Giorno in nessun Consiglio Comunale, nonostante ciò lui lo fa, probabilmente al solo scopo di fare oggi la vittima.

Che cosa pretendeva dal Consiglio Comunale di Castelbellino? Forse che il Consiglio andasse contro il Regolamento per fare un favore a lui ed al suo Comitato?

Tuttavia il sottoscritto, allorché un consigliere comunale faceva propri gli emendamenti del Comitato sottoscrivendoli, accettava di discuterli, nonostante le norme per il funzionamento del Consiglio Comunale consentano il rinvio alla seduta successiva.

Sulla “qualità” degli emendamenti, non posso che stendere un velo pietoso, la confusione e i refusi del copia/incolla, usato a sproposito dai sedicenti esperti del Comitato, non solo sorprendevano il Consigliere Cappanera che si era assunto l’onere di leggerli, ma lasciavano perplesso anche il pubblico che via via abbandonava l’aula.

A questo punto i rappresentanti del Comitato rimasti soli, dopo aver constatato la compattezza della maggioranza, uscivano dall’aula senza aspettare neanche la discussione del successivo punto all’Ordine del Giorno, anche questo tanto pubblicizzato nei loro lugubri volantini: un’interrogazione, riguardante sempre l’impianto in questione, proposta dallo stesso Consigliere che aveva fatto loro la cortesia di presentare in Consiglio i famosi  emendamenti.

Il giorno dopo, nell’ennesimo comunicato, Gambini cerca di porre rimedio alla  figuraccia del copia/incolla, ma la pezza che mette, purtroppo per lui, è peggiore del buco.

Tra l’altro il Presidente Gambini mi accusa, stravolgendo ancora una volta la verità, di aver minacciato azioni legali contro i cittadini firmatari della diffida; per la verità della stessa cosa, identica, sono accusato anche nei “pizzini” anonimi che qualche codardo intimidatore dalle modalità mafiose mi ha fatto recapitare.

Voglio precisare che non ho mai minacciato azioni legali contro i cittadini firmatari della diffida, ho invece annunciato azioni legali contro i responsabili dell’inventata vicenda amianto (Allarme eternit tra le bancarelle – Eternit a cielo aperto a Castelbellino). Tutt’altra vicenda, ma forse il Presidente era distratto o in preda alla solita confusione.

A questo punto, visto che il Comitato insiste nel fare il “porta a porta” per raccogliere le firme, invito i cittadini ad informarsi bene sull’intera questione dell’impianto biogas ed a verificare quanto l’Amministrazione Comunale di Castelbellino sta facendo in proposito.

Un’ultima cosa: il Presidente Gambini sostiene che il sottoscritto ha dichiarato  di non avere notizie sul deposito della lettera invito/diffida anche se presente alla Conferenza dei Servizi in Regione.

Certo che ero presente, ed è stato solo grazie al mio intervento che un rappresentante del Comitato ha potuto partecipare, il quale, dopo tre ore di conferenza, invitato ad esporre eventuali osservazioni, si è limitato a dire che il Comitato era interessato a presentare solo le lettere invito/diffida!

La richiesta del sottoscritto è stata un’altra: perché il Presidente Gambini non invia le lettere di diffida ai numerosi destinatari in indirizzo ed in particolare, dato che di diffida si tratta, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, visto che oltre alle firme chiede anche versamenti nel Conto Corrente del Comitato per sostenere le spese legali?Distinti saluti Il Sindaco Demetrio Papadopoulos “.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*