Matt Cancelleria
Vai al Sito

Black Mirror: lo specchio distopico della realtà

Nel 2011 esce in Inghilterra una serie ideata e prodotta da Charlie Brooker, già conosciuto per Dead Set, dal nome emblematico Black Mirror. Lo specchio è quello nero e distopico della società, un oggetto che indica noi stessi e le nostre paure.

La serie è divisa in 6 episodi in 2 serie. Le trame sono profondamente diverse e nessuna è collegata alle altre se non per liet motiv onnipresenti: l’incedere ed il progredire della tecnologia, l’assuefazione da essa causata ed i suoi effetti, il sistema sociale inglobante e alienato. Ogni episodio è trattato con una regia diversa, generatrice di diverse tensioni e sensazioni. Ad esempio nel primo episodio il Primo Ministro inglese deve fare i conti con un maniaco che ha sequestrato la principessa Susannah, membro fittizio della famiglia reale. Fin qui sembrerebbe una trama da action-story se non fosse che il riscatto della principessa non è monetario, ma comporta un rapporto sessuale completo dello stesso Primo Ministro con un maiale.

La metafora di fondo è come la società odierna sia vogliosa dell’umiliazione pubblica, come essa faccia cadere in basso le persone che hanno conquistato una buona posizione sociale. Nel secondo episodio ci viene presentata una società dai tratti distopici, un’allegoria del nostro modo di vivere. Qui le persone sono costrette a pedalare ogni giorno su una bicicletta per guadagnare punti con i quali comprare le cose più disparate ed inutili.

In questo mondo vive Bing Madsen che utilizzerà tutti i crediti per partecipare ad una sorta di X-Factor (che rappresenta la porta per scalare il sistema) ma con diversa finalità. Il senso finale di questo episodio (a tratti davvero calzante con la società contemporanea) è da individuare nell’impossibilità di uscire dal sistema. Infatti anche i “dissidenti”, coloro che non accettano lo status quo, verranno col tempo inglobati da quel sistema che hanno giurato di combattere. Il terzo episodio viviamo in una società dove i ricordi possono venir salvati in un “gain” impiantato nel cervello, e quindi possono essere rivisti a piacimento. La cosa che inizialmente può essere positiva si rivela la causa della caduta di una giovane famiglia borghese e della separazione dei due coniugi. Questa è la prima serie, andata in onda su Sky nel 2012. La seconda serie è già uscita ed è tutt’ora in onda per tutto il 2013.

In definitiva si può parlare di un prodotto ben riuscito, o forse è meglio non parlare di “prodotto” perché ad essere sotto accusa è proprio la nostra società consumistica e solitaria.

 

Giuseppe De Lauri

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*