«Blackout – The dark side of Istanbul», mostra di Coşkun Aşar alla Fondazione Carisj | Password Magazine

«Blackout – The dark side of Istanbul», mostra di Coşkun Aşar alla Fondazione Carisj

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  La mostra, allestita a Palazzo Bisaccioni, sarà visitabile fino al 30 novembre 2021 e rientra in un accordo quinquennale di collaborazione tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Jesi e il Comune di Senigallia: un protocollo di intesa per cui Senigallia Città della Fotografia si impegnerà a dare in deposito temporaneo alla Fondazione alcuni nuclei di opere fotografiche della Civica Raccolta.

IMG_7327

Le opere esposte sono una selezione di scatti della serie fotografica Blackout – The dark side of Istanbul, reportage proposto nell’omonimo libro, un romanzo visivo in cui l’autore Coşkun Aşar racconta storie raccolte nell’arco di  venti anni di un quartiere storico nel cuore di Istanbul, Beyoglu, dove lui stesso ha vissuto. Beyoglu è la casa di emarginati sociali, gang, prostitute, bambini di strada, membri della comunità transgender, persone escluse e isolate di giorno, ma che vivono di notte e contribuiscono alla vita del quartiere.

Le vite di Aşar e della comunità di Beyoglu diventano visibili quando le luci si spengono, vite impresse in scatti in bianco e nero, che richiamano si l’oscurità della notte, ma che ci rendono partecipi di tutte le storie che vengono raccontate. Non guardiamo fotografie, ma ci troviamo immersi in un ambiente sconosciuto ma che diventa subito familiare, viviamo noi stessi quelle vite; siamo ora partecipi di una conversazione in una taverna, ci ritroviamo pestati a terra o in una camera da letto, e ci perdiamo per i vicoli illuminati dai lampioni. Immagini vivide che ci permettono di esplorare il lato oscuro del cuore di Istanbul.

CA2008SIN001_005A 001

Il fotografo Coşkun Aşar è nato e ha studiato ad Istanbul alla Facoltà di Comunicazione; per tre anni dal 2002 ha partecipato al seminario Word Press Photo in Turchia ed è stato anche docente di Comunicazione dal 2003 al 2006 all’Università del Galatasaray. Dal 1995 si interessa di fotografia, con un approccio personale sulla riflessione del proprio ambiente e focalizzandosi su storie di emarginazione, povertà e problemi legati al gender. Ha lavorato per riviste e giornali locali e stranieri, e ha esposto le sue opere in esposizioni internazionali personali e collettive. È stato tra i 20 fotografi selezionati per esporre alla mostra per il 50˚ anniversario della LEICA M. Il suo ultimo lavoro pubblicato è proprio BLACKOUT.

unnamed (2)

 

 

A cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.