Blitz dei ladri, cinque aziende in una notte: bis alla Ricciarelli

Danni all'azienda Digitall

MONSANO – Seconda raffica di furti nella zona industriale di Monsano. Sono cinque le aziende colpite dai ladri nella notte compresa tra ieri e lunedì, nell’area compresa tra via Sant’Ubaldo, via Toscana e via Liguria. Solo un mese fa, in quella zona, la Ricciarelli Arti Grafiche subiva un colpo da 100 mila euro e questa volta c’è stato pure il bis.

Il tour del crimine è iniziato dall’azienda Nuova Alme, carpenteria metallica in via Toscana. Qui una banda di quattro persone di cui tre a volto coperto – come hanno evidenziato le telecamere –  si è introdotta intorno le 23.40, forzando la porta a vetro con maniglione antipanico. Sono stati abili a non far scattare l’allarme e hanno camminato a gattoni all’interno del fabbricato. Poi hanno rubato un frullino e con quello hanno scassinato la porta d’ingresso dell’azienda affianco, la Digitall che si occupa di stampa digitale.

Una volta all’interno, hanno preso a martellate le pareti in cartongesso, messo a soqquadro gli uffici, mandato in frantumi monitor di computer e tastiere per un valore di danni complessivo pari a 15 mila euro. Danni che, inevitabilmente, hanno creato poi altri disagi anche se nulla è stato rubato. Intorno alle 2.40 i ladri erano di nuovo alla Alme dove hanno rubato un furgone ducato, utilizzato probabilmente per caricare la refurtiva sottratta ad altre due aziende. Una è la Ricciarelli Arti Grafiche dove i criminali si sono introdotti forzando una finestra sul retro che, per eludere i servizi di vigilanza, hanno prontamente richiuso.

Qui hanno rubato il computer nuovo che era stato appena ricomprato dopo il furto di ottobre, hanno spaccato una porta a vetri del valore di qualche centinaia di euro e rifatto il giro degli uffici, frugando dappertutto. Poi hanno nuovamente aperto le macchinette del caffè per rubare le monete all’interno. Il colpo più grosso però è stato fatto alla Wood Line, in via Liguria, azienda di tendaggi e veneziane in legno. Qui sono entrati dalla porta di sicurezza sul retro, forzandola con un piede di porco. Poi hanno fatto bottino sottraendo  due moto da cross dal valore di diverse migliaia di euro un taglia erba, un generatore, per una refurtiva quantificabile intorno ai 20 mila euro. Hanno sfasciato le porte, lasciato gli uffici in disordine, spaccato i distributori delle bevande. Infine, l’ultima tappa, presumibilmente, quella al deposito di Monsano della Cila, azienda jesina che produce materassi. Hanno scassinato la serratura e messo tutto a soqquadro: l’indomani il personale ritrovava cuscini e materassi sistemati a terra, dove avevano riposato e bivaccato, fumando anche sigarette.

Sui furti stanno indagando i carabinieri e la polizia che hanno raccolto indizi ed esaminato le immagini delle telecamere.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*