Blitz della Finanza in Comune, richiesti atti relativi alla Torre Erap

JESI – La Guardia di Finanza ha sequestrato durante i giorni scorsi in Comune i documenti relativi alla prevista opera di costruzione della Torre Erap, il palazzone a 7 piani in via Tessitori. Gli atti relativi al permesso a costruire sono stati regolarmente consegnati.

Il Movimento 5 Stelle di Jesi annuncia di presentare, per il prossimo Consiglio comunale, un’interpellanza  in merito al blitz della Guardia di Finanza per avere contezza su quando è avvenuto, su quali documenti sono stati richiesti, sulla persone eventualmente coinvolte in indagini dei magistrati.

 «Già nei primi mesi del 2017 presentammo un esposto/segnalazione alla Procura della Repubblica di Ancona, a firma dell’ex capogruppo del M5S Jesi per evidenziare alcune incongruità fra le tesi dell’Amministrazione Comunale e quelle di alcuni cittadini residenti, apparse sulla stampa e portate all’attenzione del Consiglio Comunale – commenta in merito il Movimento 5 Stelle Jesi – Da una parte, il Sindaco Bacci continuava a sostenere che uno stop ai lavori da parte del Comune avrebbe comportato un’esposizione a richiesta danni ingente a carico dell’intera collettività cittadina e del bilancio comunale. Dall’altra parte, è stata più volte manifestata da parte di alcuni cittadini la sussistenza di presunti gravi vizi o illegittimità nella procedura adottata. In tale ipotesi, il danno per la comunità si sarebbe potuto caratterizzare proprio dal procedere con la realizzazione dell’opera. Si era infine sostenuto che L’ERAP non avrebbe avuto più titolo a beneficiare del contributo regionale di 1.950.000 euro, in toto o per la parte non spesa, per la costruzione dell’edificio, perché i lavori non sarebbero stati iniziati entro il 31 luglio 2015 (scadenza dell’ultima proroga concessa ai fini del mantenimento del contributo). Dispiace prendere atto che ora, probabilmente, si è arrivati al punto di far stabilire alla Magistratura la correttezza degli iter e la sussistenza delle eventuali responsabilità personali all’interno del Palazzo. Abbiamo in tutti i modi cercato politicamente di trovare una soluzione ed una chiarezza, prima contribuendo in maniera decisiva all’approvazione di una mozione in Consiglio nell’Aprile 2017, poi presentando un’importante risoluzione in Aula a settembre 2017 clamorosamente bocciata da maggioranza e pezzi della minoranza. Quella risoluzione impegnava l’Amministrazione ad acquisire un parere legale pro veritate volto proprio ad accertare, prima di proseguire l’iter per i lavori, la reale possibilità di porre uno stop all’opera ovvero la possibile sussistenza di vizi procedurali, nonché la permanenza dei requisisti per mantenere in capo all’ERAP il contributo regionale di 1.950.000 euro per la costruzione dell’edificio. Crediamo sia sempre grave quando la politica anziché affrontare fino in fondo i problemi e chiarire preventivamente se vi siano o meno responsabilità o vizi nelle procedure, scelga per ragioni di consenso o di mera contrapposizione sterile, di abdicare a tale ruolo, costringendo i cittadini a ricorrere alle sedi di tribunale per vedere rispettati i propri diritti. Ci auguriamo che questo episodio insegni alla maggioranza jesina ad accettare il dialogo in Aula con il M5S invece di chiudersi per debolezza politica nella bocciatura perenne di qualsiasi proposta».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*