Blocco degli scrutini, aderisce anche il "Cuppari" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Blocco degli scrutini, aderisce anche il "Cuppari"

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI –  Scatta il blocco degli scrutini, ultima protesta promossa da tutte le sigle sindacali del mondo della scuola contro la Buona scuola del governo Renzi. Da Ancona a Jesi, Senigallia, Falconara, così come nel resto del Paese, gli insegnanti aderiscono in massa al blocco degli scrutini contro il disegno di legge di riforma della scuola, ora in discussione al Senato.

Anche a Jesi, gli insegnanti insorgono. La protesta maggiore arriva dal liceo scientifico Leonardo Da Vinci, in città l’istituto superiore con più studenti .
L’assemblea sindacale del liceo scientifico L. da Vinci nei giorni scorsi ha dichiarato profondo dissenso per il disegno di legge.
Oggi, anche i  docenti dell’ITS “P.Cuppari “  di Jesi hanno dichiarato l’ intenzione di aderire alo sciopero. Le principali contestazioni ruotano intorno la nuova figura del dirigente scolastico:

“Non siamo affatto riottosi ai cambiamenti in senso migliorativo della scuola pubblica né spaventati dall’idea che il nostro lavoro venga valutato – dichiarano dall’istituto – Sta a cuore prima di tutto a noi, che spendiamo per la scuola la maggior parte del nostro tempo e delle nostre energie, che sia garantita l’idoneità di chi vi opera a un compito che consideriamo fondamentale per la crescita della società civile. Ci sgomenta tuttavia la prospettiva che tale ruolo di controllo sia esercitato dal dirigente scolastico  soprattutto se consideriamo l’alto grado di professionalità e di specializzazione disciplinare che caratterizza gli insegnamenti di tutte le scuole secondarie pubbliche di secondo grado”. Inaccettabile dunque, per gli insegnanti del Cuppari, l’accentramento dei poteri nelle mani del dirigente scolastico che, secondo il disegno di legge in via di approvazione, acquisirà anche il potere di assumere docenti e confermare o meno incarichi in assoluta autonomia. 

“Può utilizzare i docenti in classi di concorso diverse da quelle per le quali sono abilitati  – contesta l’Istituto – assegnare annualmente al personale docente una somma del fondo sulla base di motivata valutazione, proporre gli incarichi di docenza per la copertura dei posti assegnati all’istituzione scolastica cui è preposto ai docenti iscritti negli albi territoriali nonché al personale docente di ruolo già in servizio presso altra istituzione scolastica”.

Il disegno di legge viene accusato anche di favorire possibili “clientelismi”: “A fronte dell’indubbio vantaggio, in presenza di dirigenti illuminati, di allontanare dagli studenti i docenti “non idonei”, cosa di cui si sente un’estrema necessità nella scuola italiana a tutti i livelli e gradi ma che si può ottenere con altri metodi – dicono dal Cuppari – Non sarà difficile manipolare i criteri che portano un dirigente a stabilire che, con buona pace di tutti, un insegnante è “più bravo” di un altro, o più “adatto” al piano formativo del proprio Istituto. Siamo proprio sicuri di volere scuole a immagine somiglianza del loro dirigente?”

Per questi motivi, gli insegnanti propongono una soluzione: “Chiediamo di essere valutati dal punto di vista didattico da un ente esterno all’istituto di lavoro, per sottrarre le relazioni tra docenti e dirigenti, tra docenti e famiglie, e tra docenti e docenti, alla logica del ricatto e dell’acquiescenza”.

Il no è anche per gli investimenti nelle scuole paritarie: “Al contrario – dichiarano – vorremmo il potenziamento della scuola pubblica inclusiva di tutte le diversità. Numerosi e altri sono i punti su cui riecheggia la protesta, presentati e controfirmati dai docenti che aderiscono allo sciopero. 

“Siamo consapevoli che il blocco degli scrutini creerà disagio ai docenti (noi compresi) e alla dirigenza – concludono gli insegnanti – Sentiamo tuttavia urgente il bisogno di manifestare il nostro profondo dissenso nei confronti dello stravolgimento della Scuola (un Organo costituzionale, come sosteneva Calamandrei) prospettato da questo disegno di legge”. 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.