Matt Cancelleria
Vai al Sito

Bocciato referendum, il Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi si rivolgerà a Soprintendenza

JESI – Il No del Comitato dei Garanti blocca la proposta di referendum con cui il ComitatoNessuno Tocchi Pergolesi” intendeva chiamare i cittadini al voto per esprimere il proprio parere in merito allo spostamento del monumento di 18 metri indietro, così come previsto dal progetto di riqualificazione della piazza che da oltre un secolo lo ospita.

La sentenza negativa emessa dal Comitato definisce “risolutivo” l’art. 27 del Regolamento degli Istituti di partecipazione del Comune di Jesi, secondo cui “non possono essere oggetto di referendum consultivo e abrogativo i piani territoriali ed urbanistici e i piani per la loro attuazione e relative variazioni”.

« È fuori discussione che quello che si vorrebbe sottoporre a referendum sia un piano urbanistico» si legge nella relazione dei Garanti che dichiara dunque la proposta “inammissibile“».

«Per la normativa vigente il NO del Comitato dei Garanti pone fine in via definitiva, senza alcuna possibilità di ricorso, alla questione. Si prevede che il Consiglio comunale ratificherà il parere emesso – spiega Vittorio Massaccesi, primo firmatario del Comitato Nessuno Tocchi Pergolesi  – Pur non condividendo l’interpretazione data al termine di “riqualificazione” che, come spiegato nella relazione inviata ai Garanti, non significa mettere mano al Piano Regolatore, ci rimettiamo al verdetto con dispiacere per il mancato appello ai cittadini».

L’attività svolta dal Nessuno Tocchi Pergolesi non è comunque stata inutile: «Questa battaglia ha costretto l’Amministrazione ad ulteriori riflessioni, senza escludere che il nuovo assessore all’Urbanistica Roberto Renzi possa esigere ulteriori approfondimenti tecnici e consultazioni più adeguate riferite alla struttura del monumento».

Già Massimo Ippoliti, che ne aveva eseguito il restauro cinque anni fa, aveva recentemente denunciato la presenza di incrinature che potrebbero mettere a rischio la salvaguardia del monumento: «La nostra azione ha permesso altresì il ritardo dei lavori per un periodo tale da non escludere che, data l’urgenza sempre maggiore del recupero di Corso Matteotti, la spesa prevista di quasi 1 milione di euro per la Piazza Pergolesi possa essere convogliate verso il Corso – aggiunge Massaccessi – Inoltre ha creato la perplessità in amministratori, in alcuni tecnici e nella popolazione per il rischio cui si potrebbe andare incontro di rovinare il monumento se il progetto fosse effettivamente attuato».

Rischio sottolineato anche dall’architetto Sergio Marinelli e da Gabriele Fava:  «Arretrando la statua, oltre ad andare contro il volere dell’artista che l’aveva progettata e pensata per una visibilità a 360 gradi, si rischia di rovinarla, esponendo uno dei pochi monumenti in stile liberty delle Marche alle polveri del traffico veicolare di via XV Settembre».

Chi se ne prenderà la responsabilità? Il Comitato, insieme a Massimo Gianangeli, ex consigliere comunale Cinque Stelle che nella precedente legislatura si occupò della questione, lancia un appello alla Soprintendenza: «Lo spostamento è un fatto di assoluto rilievo: perchè la Soprintendenza non risponde in merito, dopo le ripetute sollecitazioni e dati i rischi che correrebbe nel trasloco più volte messi in evidenza?».

Di fatto, un parere negativo della Soprintendenza è l’unico che potrebbe segnare a questo punto una svolta nell’intera vicenda. Il Comitato annuncia una raccolta firme tra cittadini da sottoporre alla Soprintendenza e fa sapere che non si scioglierà ma che resterà vigile, in quanto “moralmente obbligato a pedinare ogni passo che avverrà nel prossimo avvenire in vista dell’eventuale attuazione del progetto contestato”.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*